Cerca
sabato, 21 luglio 2018 ore 19:10
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Restituiti i beni sequestrati
all’imprenditore Lena

Dopo quasi otto anni il tribunale di Palermo restituisce tutti i beni, tra cui l’azienda vinicola Abbazia Santa Anastasia di Castelbuono, all'imprenditore Francesco Lena. La restituzione dopo che Lena è stato dall'accusa di essere un prestanome dei mafiosi Bernardo Provenzano, Salvatore Lo Piccolo e Antonino Rotolo. Con i quali ci sarebbero stati scambi di favore.
Secondo la sezione misure di prevenzione del tribunale, però, "non è possibile comprendere in cosa sia consistito il favore". Neanche i pentiti hanno saputo aggiungere ulteriori elementi.
Lena era stato accusato nel 2008 di avere investito a Castelbuono, nell'azienda vinicola e nel resort a quattro stelle, denaro della mafia. Ma già in primo grado, in appello e in via definitiva in Cassazione i giudici hanno riconosciuto che il denaro aveva una provenienza lecita da attività imprenditoriali.
Con Lena erano stati assolti altri due imprenditori, Vincenzo Rizzacasa e Salvatore Sbeglia, pure accusati di essere prestanome di Cosa nostra.
09.04.2018

Gli articoli in primo piano
CULTURA & SPETTACOLI Risultati interessanti e scoperte significative hanno caratterizzato la campagna di scavi a Himera...
CRONACA Dalla California alla Sicilia con tutta la famiglia per festeggiare i 50 anni di matrimonio. Hanno...
CRONACA Un giovane di 20 anni del Gambia, David Mandy, è morto annegato mercoledì scorso (la notizia si è...
CULTURA & SPETTACOLI Si è aperta al museo Mandralisca di Cefalù la stagione estiva di opera dei pupi che propone...
CRONACA L’operazione era nell’aria. Tanti piccoli episodi facevano intuire che Cefalù fosse un...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com