Cerca
martedì, 26 marzo 2019 ore 23:41
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Restituiti i beni sequestrati
all’imprenditore Lena

Dopo quasi otto anni il tribunale di Palermo restituisce tutti i beni, tra cui l’azienda vinicola Abbazia Santa Anastasia di Castelbuono, all'imprenditore Francesco Lena. La restituzione dopo che Lena è stato dall'accusa di essere un prestanome dei mafiosi Bernardo Provenzano, Salvatore Lo Piccolo e Antonino Rotolo. Con i quali ci sarebbero stati scambi di favore.
Secondo la sezione misure di prevenzione del tribunale, però, "non è possibile comprendere in cosa sia consistito il favore". Neanche i pentiti hanno saputo aggiungere ulteriori elementi.
Lena era stato accusato nel 2008 di avere investito a Castelbuono, nell'azienda vinicola e nel resort a quattro stelle, denaro della mafia. Ma già in primo grado, in appello e in via definitiva in Cassazione i giudici hanno riconosciuto che il denaro aveva una provenienza lecita da attività imprenditoriali.
Con Lena erano stati assolti altri due imprenditori, Vincenzo Rizzacasa e Salvatore Sbeglia, pure accusati di essere prestanome di Cosa nostra.
09.04.2018

Gli articoli in primo piano
SPORT Il Giro di Sicilia torna con il grande ciclismo dopo 42 anni, dal 3 al 6 aprile: quattro tappe con...
SPORT Alla fine di una partita intensa il sogno è diventato realtà: con due giornate di anticipo la...
CRONACA Al via i progetti, finanziati dall’Assessorato regionale dell’istruzione e della formazione...
AMBIENTE Il primo circolo didattico di Termini Imerese, comprendente le scuole dell'infanzia e primaria dei...
CRONACA L’inchiesta sul voto di scambio travolge il sindaco di Termini Imerese. Francesco Giunta, eletto...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com