Cerca
martedì, 12 dicembre 2017 ore 18:11
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
PARLA L’UOMO CHE HA PERSO MOGLIE E FIGLIA

Cefalù, dal letto d’ospedale
disperate parole d’amore

Dall’ospedale di Cefalù partono parole di un amore struggente e disperato: “Non so come farò ad alzarmi da questo letto per cercare di vivere senza la donna e la bambina che erano la mia vita”. Questo scrive, in una lettera al quotidiano on line Livesicilia, Fabrizio Geraci, sopravvissuto a uno scontro sull’autostrada Palermo-Catania nel quale sono morte la moglie Enza Potestio, giovane legale con la passione del softball, e la figlia Sofia di due anni.
Era il 16 giugno. ”Maledetto quel giorno, maledetta autostrada. Io devo chiedere scusa. Al volante dell'auto – scrive – c’ero io ed ero responsabile delle loro vite. Tutti continuano a dirmi che non ho alcuna responsabilità, ma l'unica cosa di cui sono certo è che non ho mai pensato di uscire da casa per uccidere la ragione e l'essenza della mia vita. Mi dispiace non essere con loro”.
In ospedale Geraci è arrivato in coma. Da un giorno all’altro si è ritrovato da dipendente a paziente. Al risveglio ha chiesto della noglie e della figlia. Era arrivato il momento di conoscere la tragica verità: la sua famiglia non c’era più. Era stata distrutta in un attimo fatale.
Nella lettera a Livesicilia Geraci scrive: “Vivevamo una vita tranquilla ed eravamo felici. Anche i piccoli problemi della bambina venivano affrontati senza eccessivi timori o preoccupazioni, affrontavamo tutto nel modo più sereno perché Enza riusciva a rendere tutto più semplice. Anche quando lei stessa andava in confusione, ogni cosa si risolveva. D'altronde – aggiunge – Enza era eccezionale, dolce, bellissima, incredibilmente donna e mamma. Non basterebbe il tempo per descriverla. Ogni giorno andavamo avanti con il sorriso ed il suo era davvero particolarissimo. Per questo non ho idea di come farò a vivere senza di lei e senza Sofia”.
Il ricordo della moglie e della figlia descrivono un quadro straziante dominato da un senso di colpa che resiste a ogni elaborazione del dolore. “Enza era meravigliosa e forse se tredici anni fa non avesse deciso di stare con me, sarebbe ancora viva. Amava la propria famiglia e stravedeva per Sofia. Sono ancora qui e ci rimarrò per altro tempo, ma intanto voglio ringraziare tutti coloro che mi sono stati vicino e continuano a farlo. Quando avrò la possibilità abbraccerò tutti. Ciao Enza, ciao Sofia, vi amo e mi mancate tantissimo”. Sono le parole di un uomo distrutto e non ancora rassegnato. Si possono anche leggere come una ricerca di una dimensione di vita serena che ancora appare come una lenta prospettiva.
10.08.2014

Gli articoli in primo piano
CRONACA Anche se persistono passaggi poco chiari, la storia è nelle grandi linee fissata. Un ragazzino di...
CULTURA & SPETTACOLI Con la presentazione di “Damiana”, romanzo di Vincenzo Muscarella edito da Arianna, riprendono a...
CULTURA & SPETTACOLI C’era attesa per l’XI edizione del “Presepio d’Incanto”. Il portone del palazzo Pottino si...
CRONACA Oltre 2000 prestazioni nei primi mesi di attività per il nuovo servizio di dermatologia della...
CULTURA & SPETTACOLI Cefalù perde un amico artista. È morto a Palermo il pittore Aldo Pecoraino. Avrebbe compiuto 90...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com