Cerca
lunedì, 21 maggio 2018 ore 4:55
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Ancora un no al deposito
petrolifero a Termini Imerese

Ci sono stati già due dinieghi. E ora arriva un altro no dal Comune di Termini Imerese che per bocca del sindaco Francesco Giunta ha ribadito la propria opposizione all'uso di due grandi vasche della centrale Enel per lo stoccaggio di carburante. Le due strutture, collegate a un braccio a mare, sono state dismesse da quando la centrale è alimentata con il metano. Ma la società elettrica vorrebbe affidarne la gestione a una azienda di distribuzione di prodotti petroliferi. Il consiglio comunale ha risposto con un diniego con un documento della maggioranza e uno dell'opposizione. E' seguito un ricorso dell'Enel al Tar della Sicilia. Sulla destinazione delle due vasche si è parlato di nuovo in un incontro tra il sindaco, i dirigenti di Enel e la società di distribuzione di carburanti.
Il sindaco ha confermato il no allo stoccaggio di prodotti petroliferi che comporterebbe, a giudizio dell'amministrazione comunale, un impatto incompatibile con le linee ambientalistiche del Comune.
06.03.2018

Gli articoli in primo piano
CRONACA L’Europa delle periferie e la condizione dei migranti è stato il tema centrale della giornata...
AMBIENTE La mobilità intelligente e sostenibile è uno degli obiettivi di Cefalù città del futuro. Una...
CRONACA In uno scontro frontale tra due auto un uomo di 72 anni, Stefano Greco, è morto sulla strada...
CRONACA Sarah non ce l’ha fatta. Dopo due giorni di agonia, è morta all’ospedale Civico di Palermo la...
CRONACA Restituzione dei 20 milioni di finanziamenti ricevuti, con un congruo anticipo da versare subito, e...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com