Cerca
mercoledì, 17 aprile 2024 ore 10:43
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
DAL 18 SETTEMBRE TRE WEEK END CON L'ARTE

Le Vie dei tesori riscoprono
i tesori di Termini Imerese

Apriranno al pubblico per la prima volta a Termini Imerese i depositi del Museo Civico, che ospita anche due chiese di valore inestimabile: la chiesa di San Gerolamo con l’inedito “forno mistico”, la Biblioteca Liciniana con il chiostro e l’anfiteatro romano. E aprirà di nuovo le porte lo slabbrato Grand Hotel delle Terme che l’anno scorso, con oltre duemila presenze, è stato il sito più visitato del festival, al di fuori di Palermo.
Le Vie dei Tesori torna per il terzo anno a Termini Imerese con un programma che promette di raggiungere l’exploit dello scorso anno: nove luoghi ma anche tre passeggiate d’autore, nove eventi teatralizzati e due esperienze, un giro in barca per scoprire Termini dal mare, ma soprattutto un percorso inedito attraverso siti di solito inaccessibili come due oratori affrescati del Collegio dei Gesuiti, uno dei più antichi santuari mariani di Sicilia, e il settecentesco Monte di Pietà con il tesoro del Santuario. I coupon sono validi nelle città all’interno della stessa provincia: quindi quelli acquistati a Termini Imerese saranno validi anche per Bagheria e Corleone, e a ottobre per Carini e Palermo.
Si parte sabato 16 settembre e si va avanti, sabato e domenica, fino all’1 ottobre; tre weekend per un nuovo festival di “riappropriazione della bellezza” che racconta l’intera isola: dieci città in questa prima tranche (con Termini Imerese, Messina, poi Bagheria, Corleone, Alcamo, Enna, Caltanissetta, Trapani, Marsala e Mazara del Vallo); dal 7 al 22 ottobre altre cinque città (Ragusa, Scicli e Noto; Sciacca e Carini); e Palermo e Catania per tutto il mese di ottobre. Un progetto che si anima della narrazione collettiva, della voglia di riappropriazione dei cittadini, della partecipazione di centinaia di giovani che si uniscono alla squadra di organizzatori, narratori, giornalisti. Le Vie di Tesori ogni anno generano una ricaduta economica, in termini di indotto turistico, nelle città che attraversano: come certifica l’Otie, Osservatorio turistico delle economie delle isole: nell’ultimo anno (2022), la ricaduta è stata di oltre 192 mila euro nei tre weekend. Complessivamente l’anno scorso la Sicilia ha avuto un indotto di oltre 6 milioni di euro.
“Ringrazio Enel che anche in questa occasione, è presente concretamente, Le Vie dei Tesori, i volontari e le scuole: tutti si sono messi a disposizione per promuovere le bellezze artistiche e monumentali della nostra città. In questa edizione - dice il sindaco Maria Terranova intervenuta alla presentazione del festival con l’assessore alle politiche sociali Maria Concetta Buttà - abbiamo voluto inserire, tra i monumenti da visitare, ancora una volta, il Grand Hotel delle Terme, un tempo quartier generale della mitica Targa Florio. L’amministrazione si è impegnata sin dal suo insediamento affinché questa prestigiosa struttura neoclassica, progettata da Giuseppe Damiani Almeyda, riconquisti l’antico prestigio”.
“Per Le Vie dei Tesori la bellezza è un veicolo di costruzione di comunità - spiegano Laura Anello e Marcello Barbaro, rispettivamente presidente e vicepresidente della Fondazione le Vie dei Tesori – e Termini Imerese ha interpretato al meglio questa idea, rendendosi lievito sul territorio per creare appunto, comunità”. È un progetto che tutto l’anno lavora per generare valore sociale intorno al patrimonio culturale con una costante attività di valorizzazione e di storytelling, con restauri e manifestazioni. E che, tra settembre e ottobre, vive la lunga stagione del Festival, trasformando le città in ecosistemi culturali integrati dove vengono abbattuti i paletti di titolarità dei luoghi del patrimonio. Quest’anno riaccoglie il progetto satellite Terre dei Tesori: apriranno cantine, vigneti, frantoi, caseifici, vivai, in collaborazione con l’Assessorato regionale all’Agricoltura.

IL PROGRAMMA DI TERMINI IMERESE

L’intero programma del festival – costruito in stretta collaborazione con il Comune di Termini Imerese e con il contributo di Enel - è molto articolato e racchiude nove luoghi scelti con cura – in cui saranno presenti gli Urban sketchers di Palermo e si potrà seguire il loro lavoro artistico in diretta - per rileggere la città alla luce delle sue ricchezze culturali, ma anche per riscoprire il senso di comunità restituendo siti finora negati.
Negli straordinari depositi del Museo Civico sono conservati reperti archeologici e uno degli unici quattro esemplari impagliati di lupo siciliano. Tra i pezzi esposti, il ritratto della nobildonna romana Giulia Drusilla (35-40 d.C.), epigrafi latine, arabe, normanne, opere del Gagini, del Novelli, un bozzetto del Bernini, tele fiamminghe. La chiesa che ospita il museo risale a metà ‘400 e conserva la “lapide del tonno” (1572), con incise le fasi della mattanza. Sarà visitabile anche una collezione di bonsai giapponesi artistici. Altro luogo da non perdere è l’ottocentesca Biblioteca Liciniana che conta oltre 102 mila volumi e manoscritti, un’emeroteca e 4.500 volumi dalla biblioteca di San Martino delle Scale, oltre a pergamene e documenti di monasteri e corporazioni religiose soppresse; esenzioni e privilegi concessi alla città dai sovrani aragonesi e dai pontefici, e il titolo di Civitas Splendidissima, dato da re Ferdinando nel 1496. Ma è anche il sito a riservare più sorprese: dal seicentesco convento delle Clarisse che oggi ospita la biblioteca, si ha una vista sul chiostro e sull’anfiteatro romano (il terzo per grandezza in Sicilia) sui cui resti il convento venne costruito. Apre la chiesa cinquecentesca degli “Scappuccini” o di San Girolamo che a metà Seicento venne co-intitolata a Santa Rosalia per “esplicita richiesta” della Santuzza, apparsa in sogno ai frati. È un vero museo d’arte della comunità cappuccina: macchine lignee seicentesche e settecentesche, un ciborio in legno, reliquiari, paliotti, tele e sculture. Nella sacrestia un raro “forno mistico”, particolare costruzione posta dietro l’altare maggiore, che accoglieva religiosi dediti alla contemplazione. Previste visite teatralizzate dei ragazzi coordinate da Maria Rita Costanza (che condurrà anche l’esperienza su “Linguaggi e simbologie nascoste della Termini tardo-barocca”): sabato 16 settembre dalle 10 alle 13 le condurranno gli allievi dell’ICS “Balsamo-Pandolfini, e il 30 settembre toccherà invece ai ragazzi dell’ICS “Tisia d’Imera”.
Ovviamente il ruolo da protagonisti se l’aspettano di nuovo le terme romane (citate da Diodoro Siculo, amate da tutti gli invasori, dai romani ai normanni) e l’ottocentesco Grand Hotel delle Terme che l’anno scorso ha visto le code dei termitani impazienti di varcarne le porte; tanto che qui il festival era stato prorogato di un weekend per permettere a tutti la visita. La sua golden age fu tra il 1910 e il 1960 quando venne utilizzato come quartier generale della Targa Florio, e ospitò spesso Enzo Ferrari.
Gli altri luoghi sono una vera immersione nella storia di Termini Imerese, antica e recente, a partire dalle chiese preziose: Santa Caterina d’Alessandria con il sorprendente ciclo di affreschi di fine ‘400 che racconta la vita della santa e la lunga iscrizione in lingua siciliana antica; Maria Santissima Annunziata con il suo crocifisso miracoloso sotto la cupola di esotiche Azulejos; Sant’Orsola, in quello che era l’antico quartiere arabo “Delli balati”, che si mostra in realtà come due chiese sovrapposte; e la straordinaria “Cammara Picta”, il ciclo di affreschi seicenteschi dentro il palazzo del Comune. Le tre passeggiate condurranno alla scoperta del Riparo del Castello, ovvero dei siti archeologici del territorio; della Termini romana – il percorso si chiuderà con uno spettacolo di gladiatori a cura di Termini D’Amuri e una degustazione di cannolo e Marsala -, e del Riparo del Castello, uno dei siti paleo mesolitici più importanti d’Europa; un terzo percorso arriverà al sito di Mura Pregne, con il muraglione ciclopico ed un dolmen, e alle rovine del castello di Brucato dove nel 1338, durante la guerra dei Vespri, si asserragliarono 50 cavalieri termitani resistendo all’assedio angioino. Sarà anche possibile scoprire Termini Imerese dal mare: il suo waterfront frastagliato è uno spettacolo soprattutto se osservato nelle ore che precedono il tramonto.

GLI EVENTI

Pronto anche quest’anno un mini programma nel programma, sei spettacoli/visite teatralizzate in luoghi simbolo della città: due gli spettacoli nel teatro naturale di Villa Palmeri: sabato (16, 23 e 30 settembre) tre turni ciascun giorno per Lux, spettacolo di danza e giocoleria, con gli artisti illuminati solo dalla luce dei loro attrezzi a led; a cura dell’Asd BAC Ballet Academy Cefalù, direzione artistica di Soraya La Bua. Domenica 17 e 24 settembre Il Museo dell’Altrove, emozionante passeggiata crepuscolare nell’ arte tra recitazione, danza, canto e sculture in movimento: i protagonisti faranno rivivere le più belle statue classiche, da Amore e Psiche del Canova alla Pietà di Michelangelo e ; a cura di Arte e Passione, direzione artistica di Mara Fasulo e Saveria Scarcinelli. Sarà invece il Teatro Zeta ad ospitare nell’ultimo weekend, un adattamento della novella di Pirandello, La sagra del signore della Nave , regia di Piero Macaluso, con Sergio Monachello, Simona Indovina, Stello Pecoraro e i ragazzi della Scuola Piccola di Teatro Zeta. Il 17 settembre, nella chiesa di Santa Caterina, l’attore termitano Mimmo Minà leggerà i racconti di Andrea Camilleri; e il 24 al museo civico, il Lion club Termine Imerese Host organizza Dialoghi – Universo femminile in scena, serie di monologhi e dialoghi interpretati da attrici sulle musiche degli anni ’60.
11.09.2023

Gli articoli in primo piano
CRONACA Il sito della Voce è in manutenzione. Il suo contenuto è consultabile ma non viene aggiornato. Ci...
CULTURA & SPETTACOLI Mille ritratti per una foto. Potrebbe essere tradotto così il progetto che porta a Cefalù uno...
CRONACA Presso la chiesetta di contrada Guarneri, la libera associazione contrade Cefalù est (Lacce) ha...
CRONACA Si sono finalmente conclusi i lavori di rigenerazione e adeguamento del palazzetto dello sport...
AMBIENTE Attivato l'ecocompattatore "Mangiaplastica" per la riduzione delle bottiglie per bevande in Pet in...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy