Cerca
venerdì, 24 maggio 2024 ore 5:15
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

La classica di Castelbuono,
quattro giorni di musica colta

Il concerto del trio di percussioni Terzo suono aprirà il 14 agosto, alle 21, al Chiostro San Francesco la IX edizione di Castelbuono Classica che si terrà nel borgo madonita fino al 17 agosto. Protagonista, anche per questa edizione, sarà la musica colta con un’attenzione particolare al repertorio contemporaneo e uno sguardo rivolto ai compositori siciliani dei giorni nostri.
Ad aprire il festival sarà Terzo Suono, ensemble di percussioni fondato nel 2021, a Roma, da Fabio Cuozzo e composto, assieme a lui, da Berardo Di Mattia e Alessio Cavaliere. È un progetto che nasce da esigenze artistiche comuni e dalla volontà di ricercare e approfondire il vasto mondo delle percussioni attraverso le infinite possibilità che offrono, affrontando sia il repertorio classico che quello contemporaneo.
Inoltre, il trio, Terzo Suono, collabora a stretto contatto con vari compositori della scena nazionale ed internazionale per la creazione di nuova musica per percussioni.
La rassegna proseguirà il 15 agosto, alle 18, al Chiostro di San Francesco con il concerto del pianista Alessio Masi. Alle 21, invece, al Chiostro San Francesco è in programma il Galà lirico “Opera Inside”, che vede protagoniste voci provenienti dal panorama siciliano coordinate dal maestro Manrico Signorini.
Il 16 agosto la rassegna proseguirà, alle 18, al cortile della Badia ex convento Santa Venera, con il quartetto di clarinetti tutto al femminile Zancle Flute Ensemble. Alle 21, invece, al Chiostro San Francesco è previsto il concerto di Francesco Paolo Scola e Fausto Quintabà (clarinetto e pianoforte).
La nona edizione di Castelbuono Classica si concluderà il 17 agosto, alle 11, al Castello dei Ventimiglia con una performance a cura di Roberta Casella (arpa) e Stefania Cordone (arti figurative). Alle 18, alla Sala del Principe - Castello dei Ventimiglia, Luca Cangelosi e Roberto Alisena, sax e pianoforte. Chiuderà la rassegna alle 21, al Chiostro di San Francesco, l’arpista Floraleda Sacchi.
Nei giorni di Castelbuono Classica, nei locali del museo naturalistico, all’interno dell’ex convento in piazza S. Francesco di Castelbuono, sarà in programma l’installazione sonora “Il Silenzio Incantatore” a cura di Laura Pitingaro. L’installazione è un invito, attraverso un’opera di Sound e light Art, a intraprendere un viaggio nel passato, al tempo dello scienziato Minà Palumbo a cui il museo è dedicato.
13.08.2023

Gli articoli in primo piano
CRONACA Il sito della Voce è in manutenzione. Il suo contenuto è consultabile ma non viene aggiornato. Ci...
CULTURA & SPETTACOLI Mille ritratti per una foto. Potrebbe essere tradotto così il progetto che porta a Cefalù uno...
CRONACA Presso la chiesetta di contrada Guarneri, la libera associazione contrade Cefalù est (Lacce) ha...
CRONACA Si sono finalmente conclusi i lavori di rigenerazione e adeguamento del palazzetto dello sport...
AMBIENTE Attivato l'ecocompattatore "Mangiaplastica" per la riduzione delle bottiglie per bevande in Pet in...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy