Cerca
mercoledì, 17 aprile 2024 ore 11:48
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
Carmelo Franco
SABATO AL MUSEO MANDRALISCA

Giovanni Falcone al cinema,
libro e incontro a Cefalù

Nella sala della Pinacoteca del Museo Mandralisca di Cefalù, sabato 27 maggio alle ore 17.30 verrà presentato il libro “Giovanni Falcone al cinema - Una vita da giudice senza le parti noiose” di Carmelo Franco, edizioni Torri del Vento. Con l’autore converseranno Leonardo Agueci, ex procuratore aggiunto di Palermo, e il giornalista Tano Gullo. L’incontro sarà introdotto da Vincenzo Garbo e Luigi Spinosa della Fondazione Mandralisca.
A moderare il dibattito, invece, sarà Giuseppe Saja, curatore delle attività culturali della Biblioteca Mandralisca
Attraverso un accurato lavoro di ricerca e analisi del materiale cinematografico e televisivo, prodotto fino a oggi su Giovanni Falcone, Franco delinea un’immagine, per certi versi anche inedita, più completa del giudice intersecando aspetti della vita privata ed elementi storici ormai acclarati dai processi e dalle rivelazioni che, nei trent’anni trascorsi dalla strage di Capaci, sono via via emersi.
Forse non tutti ricordano che il primo film in cui Falcone viene rappresentato come personaggio cinematografico risale addirittura al 1986: ne “Il pentito” viene denominato come “il giudice Giovanni Falco”.
Il libro ricostruisce in maniera meticolosa e dettagliata l’immagine del magistrato restituita dal cinema detto “di finzione” - spunto mai approfondito tra le innumerevoli pubblicazione presenti sulla storia umana e professionale di uno dei simboli della lotta alla mafia - che, sfruttando la passione cinematografica dell’autore, propone un finale diverso dalla realtà, quel finale che tutti avremmo auspicato.
«Ci si consentirà - scrive Franco nella sinossi del libro - allora, nel nome di Quentin Tarantino, che ha fatto morire Adolf Hitler in “Bastardi senza gloria”, che in “C’era una volta Hollywood” ha fatto sopravvivere Sharon Tate dopo l’incursione degli adepti della setta di Charles Manson, e che in “Django Unchained” ha reso giustizia al popolo afroamericano per secoli oppresso, di desiderare un altro finale per quel pomeriggio del 23 maggio 1992, quando alla guida della Fiat Croma che lo attendeva all’aeroporto di Palermo, a causa di uno dei tanti “sliding doors” della vita, vi era Giovanni Falcone. Allora la storia potrebbe cambiare, sia pure soltanto nel buio di una sala (…)».
L’autore, avvocato penalista, esercita a Palermo dove, negli ultimi decenni, è stato patrocinante in alcuni dei più importanti processi. È stato il fondatore della camera penale “Conca d’oro” e ha fatto parte della giunta nazionale dell’unione delle camere penali italiane.
Nel 2010 ha curato la rassegna “Il cinema di mafia… un percorso italiano”, tenuta a Corleone al Centro internazionale di documentazione sulle mafie e del movimento antimafia; numerose sono le sue pubblicazioni sul cinema, in varie testate e riviste, oltre alle lezioni di cinema svolte in alcuni enti ed università tra i quali la Lumsa e il Centro Sperimentale di Cinematografia di Palermo.
25.05.2023

Gli articoli in primo piano
CRONACA Il sito della Voce è in manutenzione. Il suo contenuto è consultabile ma non viene aggiornato. Ci...
CULTURA & SPETTACOLI Mille ritratti per una foto. Potrebbe essere tradotto così il progetto che porta a Cefalù uno...
CRONACA Presso la chiesetta di contrada Guarneri, la libera associazione contrade Cefalù est (Lacce) ha...
CRONACA Si sono finalmente conclusi i lavori di rigenerazione e adeguamento del palazzetto dello sport...
AMBIENTE Attivato l'ecocompattatore "Mangiaplastica" per la riduzione delle bottiglie per bevande in Pet in...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy