Cerca
lunedì, 27 maggio 2024 ore 21:44
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
Lorenzo Guido Mercurio

Cinema, cinque film in gara
per l'Earth Day di Cefalù

Cinque film si contendono il Premio Earth Day al Festival del cinema di Cefalù. A selezionarli è stata la giuria tecnica del festival che quest'anno è formata da 600 giurati sparsi in tutto il mondo. I cinque film sono stati realizzati da quattro registi italiani e una spagnola. I quattro italiani sono un lombardo, un laziale, un calabrese ed un siciliano.

I cinque film candidati al Premio sono:

1. "Plasticene" del regista Jari Brontesi che ha base a Milano. Narra la storia di un uomo che sta tornando a casa quando, sul suo cammino, un misterioso grosso scatolone gli blocca il passaggio. Incuriosito dallo strano incontro aprirà la scatola. Nascosta al suo interno troverà una delle più terribili vergogne nascoste del genere umano... Un mostro dei
rifiuti si risveglia.

2. "Uova di seppia" del regista romano Roberto Lo Monaco da sempre appassionato di natura e mare. Collabora con gruppi di ricerca universitari per la realizzazione di documentari scientifici a scopo divulgativo e promozionale. Il documentario racconta come una pratica sbagliata possa compromettere la sopravvivenza di una specie fragile che vive solo un anno e depone le uova solo una volta nella vita.

3. "Lampare nella notte" del regista cosentino Andrea Belcastro (laurea in Linguaggi dello spettacolo, del cinema e dei media). Il film racconta la pesca con la lampara fra gesti antichi che, ogni sera, si tramandano ancora di padre in figlio lungo le coste calabresi per
dimostrare che anche oggi la pesca può essere un valore sostenibile.

4. "Un giorno a Fontana Murata" del regista palermitano Lorenzo Guido Mercurio. Racconta la storia di Ambrogio e Rosa, proprietari di un'azienda agricola in contrada Fontana Murata, nel comune siciliano di Sclafani Bagni, che ha catturato l' attenzione del regista e lo ha spinto a farla conoscere il più possibile.

5. "Staghorn Coral" della regista spagnola Júlia Girós, filmmaker di documentari di Barcellona che mostra le foreste sottomarine minacciate da cambiamento climatico, inquinamento e pesca eccessiva. Tutto questo sta portando alla desertificazione degli oceani e a una significativa perdita di biodiversità marina. L'organizzazione Hidden Deserts interviene nel film per recuperare quegli ecosistemi modificati dall'uomo.
10.04.2023

Gli articoli in primo piano
CRONACA Il sito della Voce è in manutenzione. Il suo contenuto è consultabile ma non viene aggiornato. Ci...
CULTURA & SPETTACOLI Mille ritratti per una foto. Potrebbe essere tradotto così il progetto che porta a Cefalù uno...
CRONACA Presso la chiesetta di contrada Guarneri, la libera associazione contrade Cefalù est (Lacce) ha...
CRONACA Si sono finalmente conclusi i lavori di rigenerazione e adeguamento del palazzetto dello sport...
AMBIENTE Attivato l'ecocompattatore "Mangiaplastica" per la riduzione delle bottiglie per bevande in Pet in...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy