Cerca
mercoledì, 17 aprile 2024 ore 11:38
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
LA RASSEGNA DEGLI INCONTRI CULTURALI

Al Mandralisca le torture
al tempo dei Borbone

L’ultimo appuntamento del mese di marzo della rassegna Incontri culturali al Museo propone una doppia presentazione, ospitata nella Sala della Pinacoteca del Museo Mandralisca, curata dal presidente Vincenzo Garbo e da Giuseppe Saja, che coordina le attività culturali della Biblioteca del Museo.
Sabato 25 marzo, a partire dalle ore 17.30, Vincenzo Garbo e Santo Lombino, direttore del Museo delle ‘Spartenze’ di Villafrati, dopo l’introduzione di Giuseppe Saja, presenteranno i testi di Franco Spiridione “Francesco Bentivegna. Storia della rivolta del 1856 in Sicilia organizzata dal barone Francesco Bentivegna in Mezzojuso” e Salvatore Spinuzza in Cefalù (Edizioni I Buoni Cugini).
La scrittura di Franco Spiridione – si legge nella presentazione – segue giorno per giorno, quasi ora per ora, la fallita impresa rivoluzionaria del barone Francesco Bentivegna nel novembre 1856, del suo ‘stato maggiore selvaggio’ e dei suoi seguaci. Viene dato conto dei movimenti dei vari attori e del loro antagonista, il direttore di polizia Salvatore Maniscalco, fortemente intenzionato a impedire in qualunque modo la ripresa dell'iniziativa antigovernativa. L'infelice impresa terminerà con la cattura di Bentivegna e Spiridione segue, con il suo testo, le successive tappe del martirio del barone mazziniano, il cui destino è stato già deciso in alto loco: come capo del moto rivoluzionario deve essere punito con la massima severità, con una condanna capitale che scoraggi chi abbia voglia di seguire il suo esempio.
Per completare l’approfondimento storico verrà presentato a seguire il volume, curato da Ivo Tiberio Ginevra e Anna Squatrito, di Giovanni Raffaele, “Le torture in Sicilia al tempo dei Borboni” (Edizioni I Buoni Cugini).
Il governo borbonico in Sicilia negò sempre di usare la tortura, soprattutto sui prigionieri politici, ma Giovanni Raffaele dal 1850 al 1860, tramite corrispondenze alla stampa inglese, ne denunziò l’utilizzo sistematico anche mediante la raffinata costruzione di appositi strumenti come la cuffia del silenzio, la muffola, lo strumento angelico. Le sue corrispondenze, oggi riportate nel volume, sono uno spaccato dell’obbrobriosa giustizia borbonica e trattano nello specifico anche dei “processi farsa”, con relativa fucilazione del barone Francesco Bentivegna di Corleone e di Salvatore Spinuzza di Cefalù, oltre alle torture applicate sui patrioti della provincia di Palermo: Giuseppe Maggio, Giuseppe Lo Re, Salvatore Bevilacqua, Vincenzo Sapienza, Santi Cefalù e sua figlia, Salvatore Maranto e Antonio Spinuzza, tutti eroi finiti nell’ingiustificato dimenticatoio della collettività.
24.03.2023

Gli articoli in primo piano
CRONACA Il sito della Voce è in manutenzione. Il suo contenuto è consultabile ma non viene aggiornato. Ci...
CULTURA & SPETTACOLI Mille ritratti per una foto. Potrebbe essere tradotto così il progetto che porta a Cefalù uno...
CRONACA Presso la chiesetta di contrada Guarneri, la libera associazione contrade Cefalù est (Lacce) ha...
CRONACA Si sono finalmente conclusi i lavori di rigenerazione e adeguamento del palazzetto dello sport...
AMBIENTE Attivato l'ecocompattatore "Mangiaplastica" per la riduzione delle bottiglie per bevande in Pet in...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy