Cerca
venerdì, 24 maggio 2024 ore 6:22
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Si apre a Termini Imerese
la stanza dell’ascolto protetto

Presso la sede del Reparto territoriale carabinieri di Termini Imerese è stata inaugurata la Stanza per le audizioni protette dedicata all’ascolto delle vittime vulnerabili e realizzata in collaborazione con il Comune e la sezione della Fidapa.
La data scelta per l’inaugurazione coincide convenzionalmente con l’inizio della primavera: si è voluto così richiamare, simbolicamente, il parallelismo tra la rinascita della natura in primavera e quella della vittima, quando trova il coraggio di parlare e denunciare la propria situazione, uscendo così dalla spirale della violenza in cui si trova.
In ambito nazionale, il 21 marzo coincide con la giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie tra cui molte donne e bambini.
La stanza per le audizioni protette di donne e bambini e, più genericamente per l’audizione delle vittime vulnerabili, consiste in un ambiente ricreato all’interno della caserma dei carabinieri, diverso da un qualsiasi altro ufficio, accogliente e intimo e che possa mettere le vittime di particolari reati nella condizione di potersi confidare e sporgere una denuncia, in un contesto che possa quantomeno evitare di acuirne il disagio e la sofferenza. Tali reati infatti, per età o condizione della vittima (minori, anziani, disabili, stranieri…) e caratteristiche e crudeltà della tipologia di offesa (coinvolgono la sfera sessuale, violenza di genere, discriminazione razziale, crimini d’odio in generale), hanno un impatto psicologico fortissimo e condizionano chi li subisce.
Il legislatore, con una norma della “Riforma Cartabia”, ha previsto la registrazione visiva o fonografica delle dichiarazioni assunte da un soggetto che appartenga alle “categorie protette”, sia che il dichiarante protetto sia vittima, persona indagata o informata sui fatti. Tra queste categorie rientrano pienamente i soggetti infermi di mente o che si trovino in condizioni di particolare vulnerabilità: persone offese dai reati trattati in codice rosso, persone affette da disturbi comportamentali, persone che abbiano subìto violenze o minacce finalizzate a inquinare le proprie dichiarazioni o che comunque abbiano motivo di temere per la propria incolumità, come le vittime della mafia.
L’arredo della stanza prevede anche un’area dedicata ai bambini con libri e giocattoli, sia nel caso in cui la vittima abbia con sé i propri figli sia nel caso in cui si debba procedere con l’audizione, alla presenza di consulenti specializzati in materia, di un bambino o di un adolescente. Parte integrante dell’ambiente è un impianto di ripresa audio-video, ad alta risoluzione, che consente, in maniera non invasiva, la fono-videoregistrazione delle attività, come previsto dalla normativa.
L’iniziativa, pertinente alle tematiche affrontate durante gli incontri fra l’Arma dei carabinieri e gli studenti degli istituti scolastici del territorio, per la formazione della “Cultura della legalità”, rappresenta un esempio concreto di come opera sul territorio la rete antiviolenza inter-istituzionale (la stanza è una maglia della rete nel percorso di uscita dalla spirale della violenza).
Gli istituti di Termini Imerese e delle sedi distaccate di Cerda e Caccamo, invitati a presenziare con i dirigenti e una rappresentanza di studenti, sono Istituto superiore paritario “Ludovico Ariosto”, istituto superiore professionale dei mestieri “Euro Form”, liceo scientifico “Nicolò Palmeri”, istituto di formazione professionale per mestieri “Euro Madonie”, istituto superiore tecnico paritario “Padre Pio”, istituti tecnico commerciale per ragionieri e tecnico commerciale per geometri “Stenio” e istituto superiore “Ugdulena”.
Nella circostanza, l’Istituto professionale “Euro Form” ha accolto l’invito degli studenti di portare un proprio contributo all’arredo della stanza, organizzando una sessione di arte partecipata per la realizzazione di un’opera pittorica su una delle pareti della stanza, che possa ricordare l’evento e rappresentare simbolicamente l’apporto di un gesto gentile e delicato da parte degli uomini (in questo caso gli alunni di sesso maschile) nei confronti delle donne e, fattivamente, la collaborazione a più mani da parte di tutti gli istituti scolastici invitati. La scuola Euroform, attraverso la docente-artista Miriam Palmentino e gli studenti coinvolti, ha coordinato l’attività acquistando anche i materiali per la realizzazione dell’opera murale.
La signora Iana Brancato, madre di Roberta Siragusa, vittima di un femminicidio commesso a Caccamo nel 2021, dopo il “taglio del nastro”, ha donato, per adornare la stanza, un quadro che riproduce la fotografia della figlia.
La signora Brancato, nel vivo ricordo della figlia e con l’intento di sensibilizzare le donne circa la necessità di ribellarsi in tempo alla violenza, ha fondato un’associazione denominata “Roberta Vive” e partecipa incessantemente alle campagne di sensibilizzazione.
Le indagini sul delitto, coordinate dalla Procura della Repubblica di Termini Imerese e condotte dall’allora compagnia carabinieri di Termini Imerese, hanno portato alla condanna in primo grado all’ergastolo dell’ex-fidanzato.
21.03.2023

Gli articoli in primo piano
CRONACA Il sito della Voce è in manutenzione. Il suo contenuto è consultabile ma non viene aggiornato. Ci...
CULTURA & SPETTACOLI Mille ritratti per una foto. Potrebbe essere tradotto così il progetto che porta a Cefalù uno...
CRONACA Presso la chiesetta di contrada Guarneri, la libera associazione contrade Cefalù est (Lacce) ha...
CRONACA Si sono finalmente conclusi i lavori di rigenerazione e adeguamento del palazzetto dello sport...
AMBIENTE Attivato l'ecocompattatore "Mangiaplastica" per la riduzione delle bottiglie per bevande in Pet in...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy