Cerca
venerdì, 19 agosto 2022 ore 13:37
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Grasso a Notti clandestine,
la lotta alla mafia deve
essere l’obiettivo di tutti

Pietro Grasso e la lotta alla mafia sono stati al centro della prima serata delle Notti clandestine a Termini Imerese. Ad aprire la kermesse la presentazione del libro "Il mio amico Giovanni" (UP Feltrinelli) scritto da Grasso. A dialogare con l'ex presidente del Senato la giornalista Rai Adriana Pannitteri.
«La lotta alla mafia non deve appartenere a un solo partito politico - ha sottolineato l'ex magistrato – ma deve essere presente in tutti i programmi di tutti i partiti senza divisioni». Per Grasso il deficit nella lotta alla mafia è ancora rappresentato dalla lentezza della giustizia. «La giustizia deve essere rapida, colpire i responsabili e dare la possibilità anche alle vittime di avere ristoro di quello che hanno subito».
Passando alle elezioni politiche in vista del prossimo settembre ha aggiunto: «Io sono per collaborare e portare avanti in qualsiasi modo gli ideali di legalità e sviluppo e soprattutto di eguaglianza tra i cittadini. Oggi i problemi principali sono la povertà delle persone che è aumentata prima a causa della pandemia, adesso con la guerra tra Russia e Ucraina. Bisogna avere presente sempre i bisogni dei cittadini».
Ospite della seconda parte di serata Daniele Marannano, socio fondatore dell'associazione Addiopizzo. «Rispetto a 31 anni fa – ha detto – si sono indubbiamente create le condizioni per cui si possa compiere la scelta di denunciare il racket delle estorsioni senza essere lasciati soli. Tuttavia il fenomeno delle estorsioni resta diffuso. C'è chi le paga e non denuncia, addirittura negando l'evidenza. Probabilmente è giunto il momento di interrogarsi su come siano cambiate le dinamiche criminali attraverso cui si perpetra il reato estorsivo nei territori in cui operiamo ed è giunto il momento in cui interrogarsi sul profilo di chi paga le estorsioni e non denuncia. C'è chi paga e non denuncia perché si rivolge al suo stesso estorsore per scalzare concorrenti, per recuperare crediti presso i propri clienti, per dirimere controversie sindacali o per risolvere problemi di vicinato. Il fenomeno estorsivo è cambiato. Oggi – ha aggiunto – tra operatori economici e Cosa nostra si è instaurato un rapporto più di connivenza. Bisognerebbe interrogarsi su nuovi strumenti che possano scardinare questo genere di relazioni piuttosto perverse che inquinano il mercato e che sovraespongono coloro i quali trovano la forza di denunciare e sterilizzano anche le regole della libera concorrenza a danno dei cittadini consumatori».
La serata si è conclusa con la proiezione del film "La mafia uccide solo d'estate" (regia di Pif).
"Notti Clandestine" è patrocinato dall'assessorato regionale del Turismo, sport e spettacolo, dal Comune di Termini Imerese, dall'associazione Addiopizzo, dal museo del motorismo siciliano e della Targa Florio e dalla Zit (Associazione imprese Zona Industriale di Termini Imerese) e ha avuto il contributo di Lvs Group, Enel e Tecnimpianti Navim Group.
02.08.2022

Gli articoli in primo piano
CRONACA Un vero e proprio “commercio” di attestati falsi in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, a...
CULTURA & SPETTACOLI Cor Petrae: l'arte, la musica, le persone. Dopo due lunghissimi anni di stop Petralia Soprana torna...
CRONACA Simona Vicari è stata nominata dall’Asp di Palermo componente del consiglio di amministrazione...
CULTURA & SPETTACOLI Cambio al vertice del museo naturalistico Francesco Minà Palumbo di Castelbuono. Nuovo presidente...
POLITICA Indiscrezioni confermate. Il sindaco di Polizzi Generosa, Gandolfo Librizzi, sarà candidato al...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy