Cerca
lunedì, 10 maggio 2021 ore 10:03
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
VIA LIBERA DALLA COMMISSIONE

Zone franche montane,
parte l’esame della legge

Riparte l’iter per l’approvazione della legge sulle Zone franche montane. La commissione finanza e tesoro del Senato ha deciso infatti di dare priorità all'esame del disegno di legge approvato dall'Assemblea regionale siciliana il 17 dicembre 2019.
La notizia arriva al trentaquattresimo giorno di presidio a Irosa a sostegno di una misura che interessa i 133 comuni montani della Sicilia interna. E la porta al comitato promotore della legge il presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè, che si trovava in zona per partecipare alla manifestazione promossa a Petralia Sottana dal Parco delle Madonie contro l’individuazione del sito per il deposito di scorie nucleari.
La commissione ha convenuto che "pur trattandosi di una tematica che interessa - si legge nel verbale della seduta - differenti realtà territoriali ed economiche meritevoli di attenzione rispetto a strumenti di fiscalità privilegiata, sia opportuno in questa fase proseguire con l'esame del disegno di legge di iniziativa del consiglio regionale, dando priorità a tale proposta, potendo la commissione giovarsi dei contributi pervenuti e acquisiti nel corso della fase istruttoria. Si potrà quindi procedere con l'apertura di una fase di discussione generale".
«A nome del comitato e dei 133 sindaci interessati esprimiamo gratitudine nei confronti della commissione Finanza e Tesoro del Senato- dice Vincenzo Lapunzina coordinatore del comitato promotore - presieduta dal senatore Luciano D'Alfonso. Grazie anche ai presidenti Casellati e Miccichè che stanno seguendo da vicino l'iter legislativo. La notizia ci permette di guardare al futuro con fiducia. Continueremo a presidiare, insieme agli amministratori, lo svincolo di Irosa, certi che l'iter continuerà speditamente fino a potere sentire che la Camera approva la legge. La misura di politica economica proposta dal basso e coscienziosamente fatta propria dal Parlamento regionale non ha impedimenti. Continueremo a fare appello ogni giorno alla sensibilità dei nostri deputati e senatori, che attendiamo al presidio per condividere la battaglia di civiltà che parte dalle terre alte di Sicilia».
13.01.2021

Gli articoli in primo piano
SPORT La Targa Florio numero 105 ha confermato tutto il suo fascino proseguendo una storia fatta di...
CRONACA Almeno fino al 16 maggio la Sicilia resterà in zona arancione con Sardegna e Valle d’Aosta mentre...
CULTURA & SPETTACOLI Dal 13 settembre al 3 ottobre 2021 un centinaio di artisti nazionali e internazionali parteciperà...
CRONACA L’istituzione di zone franche montane è stata al centro della mobilitazione di sindaci siciliani...
SPORT La Targa Florio numero 105 accende i motori per la gara più antica del mondo sul classico circuito...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy