Stampa articolo

Cefalù, Termini e Lascari restano in zona rossa

Lapunzina: divieto di stazionamento
Cefalù, Termini Imerese, Lascari e Caccamo diventano o mantengono la zona rossa. In tutta la Sicilia sono 24 i comuni che si ritrovano in una fascia più isolata mentre Palermo diventa arancione. Ma solo perché il colore rosso non ha prodotto risultati, tanto è vero che i contagi sono cresciuti ancora. Lo dice la relazione dell’Asp presentata al presidente della Regione, Nello Musumeci che ha emesso una nuova ordinanza. Viene decisa la proroga da domani, giovedì 29 aprile, della “zona rossa” per Acicatena e Adrano, in provincia di Catania; Baucina, Belmonte Mezzagno, Borgetto, Cinisi, Giardinello, Lascari, Mezzojuso, Misilmeri, Monreale, Partinico, Termini Imerese, Villabate e Villafrati, nel Palermitano; Catenanuova e Cerami, in provincia di Enna; Lampedusa e Linosa, nell’Agrigentino; Lentini, in provincia di Siracusa; Marianopoli e Mussomeli, nel Nisseno. Viene poi mantenuto il rosso per Cefalù, Caccamo e Campofiorito in provincia di Palermo. Nel caso di Cefalù, è stato precisato dalla Presidenza della Regione, la nuova classificazione durerà sette giorni, fino al 5 maggio. Dal 30 aprile e fino al 12 maggio è stata disposta anche la “zona rossa” per Tortorici e Tusa, nel Messinese, e Serradifalco, in provincia di Caltanissetta. Le nuove misure sono il risultato di un andamento della pandemia che nei 24 comuni rossi ha raggiunto livelli considerevoli. A Cefalù gli ultimi dati dicono che i positivi sono saliti a 60. A poco o a nulla sono valsi quindi gli appelli dei sindaci e i richiami delle autorità sanitarie per comportamenti più prudenti. In ogni caso, ha detto il sindaco Rosario Lapunzina nella sua diretta Facebook, bisogna comprendere i problemi di tanti operatori e di tante persone alle prese con problemi più che seri. Ma questo è il tempo, ha detto il sindaco, di riconoscersi come comunità e bisogna qunidi assumere atteggiamenti conseguenti. La proroga della zona rossa richiede misure più severe. Prr questo il sindaco ha adottato due provvedimenti. Il primo è il divieto di stazionamento in tutti i luoghi della città. Il secondo è la chiusura delle scuole fino al 5 maggio. "Abbiamo necessità - ha ripetuto il sindaco - di potenziare la campagna di vaccinazione comprendendo gli anziani e le persone fragili". Al Palasport sono già iniziati i lavori per l'attivazione di un centro vaccinale".
28.04.2021
la Redazione