Cerca
giovedì, 30 giugno 2022 ore 20:44
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Mostre, la catarsi digitale
nuova idea di "normalità"

L’esposizione di Carolina Pascari
L’ottagono di Santa Caterina a Cefalù diventa la location per una mostra dell’artista moldava Carolina Pascari dal titolo “Digital Catharsis”, patrocinata dall’amministrazione comunale. La mostra, a cura di Carola Antonioli e Giorgia Massari di Asola Group con il coordinamento di Giovanni Ciacci, sarà inaugurata, alla presenza dell’artista e psicologa, mercoledì 1 giugno 2022 (ore 18) e sarà visitabile fino al 12 giugno dalle 17 alle 21 con ingresso libero.
La digitalizzazione del mondo porta con sé conseguenze ambivalenti: da una parte, il progresso dell’umanità, dall’altra una de-umanizzazione dell’individuo. Tempestati da informazioni e immagini, che ci rendono insensibili alla violenza e alla sofferenza del mondo, stiamo perdendo i valori che ci rendono umani. Niente è più in grado di impressionarci o di stupirci. Questo processo psicologico suscita indifferenza, rispecchiandosi nella sfera intima e privata di ognuno di noi. La conseguenza è una non-accettazione e una negazione dei traumi personali, che vengono annegati nel nostro subconscio. Il successo dei social media ha alimentato questo fenomeno, riscrivendo in noi la concezione di “normalità”.
L’arte della psicologa Carolina Pascari si inserisce in questo contesto come una catarsi. Attraverso l’immediatezza, la spontaneità e la carica del gesto pittorico racchiuse nelle opere in mostra, l’artista stimola il pubblico ad attivare un processo di liberazione. La geometria di ogni quadro ha una simmetria introspettiva, nella quale il blu - che esprime un preciso stato emotivo - è il colore dominante. Le opere, spesso nate a seguito di sedute psicologiche con pazienti afflitti da diverse patologie, sono concepite come una provocazione, un invito a intraprendere un viaggio personalizzato.
In un percorso che lega l’arte alla psicologia, gli eventi responsabili dei traumi o delle situazioni conflittuali emergono in superficie e vengono liberati dal subconscio. È in atto una “Digital Catharsis”.
LA TECNICA E LO STILE - La produzione artistica di Carolina Pascari è caratterizzata dall’approfondimento di due diverse tecniche. Una prima, costituita da opere interamente realizzate in acrilico, denota un’influenza pollockiana. Lo storicizzato artista americano, attivo tra le due guerre, fu pioniere dell’Espressionismo astratto, corrente di rinascita rivolta contro l’accademismo cubista e surrealista. L’Action painting, con la tecnica del “dripping”, è il frutto della volontà di Jackson Pollock di ottenere un risultato immediato, intenzione comune a Carolina. Tuttavia la casualità non è sempre protagonista all’interno delle sue tele. In alcune è meno evidente rispetto ad altre, ma ne determina la costruzione dei flussi che abitano la superficie. La seconda, invece, è costituita da opere legate al “Fluid Painting”, realizzate con inchiostro a base di alcol e resina epossidica. Quest’ultima, di origini più recenti, gode di una minore risonanza. Anche in questo caso, però, Carolina ne segue gli insegnamenti, adattandoli al proprio percorso artistico e quindi accompagnando ancora una volta la pittura verso una precisa direzione. La forza della pittura prende vita a tal punto che le opere appaiono tridimensionali: in alcuni casi si crea una profondità magnetica, in altri si percepisce un avvicinamento del colore agli spettatori. In questo rapporto intimo, che ci porta a riflettere su noi stessi, siamo i protagonisti di ogni opera. Proprio come la pittura viene guidata dalla stessa artista in determinate direzioni, la psicologa guida il suo paziente nella scoperta di se stesso. Si crea quindi, un parallelismo fra il rapporto artista – colore, psicologo – paziente, basato sulle diverse volontà.

BIOGRAFIA - Carolina Pascari nasce a Chisinau, capitale della Moldavia, il 4 maggio 1986. Cresce nel periodo post-comunista, una giungla metropolitana senza regole nella quale si vivono conflitti politici e sociali. Il caos e la mancanza di sicurezza nel paese la spinge verso l’estero. All’età di 15 anni comincia la sua carriera da modella a Londra, poi a Parigi e infine a Milano, dove prosegue i suoi studi: prima la laurea in Psicologia, poi il master in Psicodiagnosi clinica. A ventiquattro anni intraprende un percorso finalizzato a creare un connubio tra la psicologia e l’arte. All’inizio, è un modo per l’artista di mantenere un equilibrio psicologico, ma successivamente si trasforma in un viaggio all’interno dei pensieri e dei disturbi più intimi, espressi attraverso forme e colori astratti. L’obiettivo è suscitare sensazioni e liberare la mente, per favorire un processo di emersione di associazioni inconsce.
31.05.2022

Gli articoli in primo piano
CRONACA Due procedure per l’impianto di neurostimolatori midollari sono state effettuate alla Fondazione...
CRONACA Ora si può osservare il nuovo prospetto della chiesa di Santo Stefano Protomartire di Cefalù detta...
POLITICA Daniele Tumminello è tornato nell’aula consiliare di Cefalù. Stavolta come sindaco che ha...
CRONACA Giuseppe Capuana si insedia alla guida del Lions club Cefalù. La cerimonia del passaggio della...
POLITICA Francesca Salva Mancinelli è il quinto assessore di Cefalù. Per lei è una conferma. Con Laura...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy