Cerca
venerdì, 19 agosto 2022 ore 13:53
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
CONVEGNO INTERNAZIONALE DAL 7 AL 9 GENNAIO

Sul Medioevo multiculturale
studiosi a confronto a Cefalù

Il Medioevo non era poi un periodo così oscuro come una vulgata antistorica vorrebbe sostenere. È tutto da rileggere, tra luci e ombre, anche il suo tratto culturale e soprattutto multiculturale. È la proposta di un convegno internazionale che si terrà a Cefalù (sala delle Capriate) dal 7 al 9 gennaio per iniziativa del Centro studi Ruggero II.
Il Centro è nato tre anni fa con una convenzione tra la cattedra di Storia medievale dell’Università di Messina e il Comune di Cefalù. Questo è il secondo appuntamento dopo quello inaugurale che nel febbraio 2020 fu dedicato alla figura e al mondo di Ruggero II d’Altavilla.
Il convegno di quest’anno ha un titolo significativo: Governare la Multiculturalità nel Medioevo. Alla tre giorni di studi e di dibattiti partecipano accademici e studiosi italiani, spagnoli, inglesi, portoghesi, tedeschi chiamati ad approfondire, con particolare riferimento al regno di Sicilia, ma con aperture al mondo mediterraneo ed europeo, un tema stimolante ancora oggi. L’obiettivo è quello di verificare se, e in che misura, le realtà politiche del Medioevo siano riuscite a governare uno degli aspetti più problematici e di difficile risoluzione, ma al tempo stesso più frequenti, della vita delle società umane. Non mancherà un intervento, affidato a Bruno Figliolo dell’Università di Udine, sul caso Cefalù.
“La multiculturalità presente in Sicilia sotto il regno degli Altavilla generò, proprio nel secolo che conobbe le crociate, anche l’arte arabo-normanna, nel 2015 riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità”, dice Vincenzo Garbo, assessore alle politiche culturali del Comune di Cefalù, e uno dei promotori dell’incontro. Terrà anche una relazione sul sincretismo culturale nel Medioevo e sulle prospettive di sviluppo socio-economico del sito seriale arabo-normanno Palermo e le cattedrali di Cefalù e Monreale.
“II convegno – sostiene Garbo – ha l’ambizione di contribuire a ribadire il valore sociale della ricerca storica nel mondo di oggi. Riteniamo che la storia sia fondamentale per contribuire a maturare la consapevolezza di quello che siamo nel tempo presente e costruire la visione della società futura”.
06.01.2022

Gli articoli in primo piano
CRONACA Un vero e proprio “commercio” di attestati falsi in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro, a...
CULTURA & SPETTACOLI Cor Petrae: l'arte, la musica, le persone. Dopo due lunghissimi anni di stop Petralia Soprana torna...
CRONACA Simona Vicari è stata nominata dall’Asp di Palermo componente del consiglio di amministrazione...
CULTURA & SPETTACOLI Cambio al vertice del museo naturalistico Francesco Minà Palumbo di Castelbuono. Nuovo presidente...
POLITICA Indiscrezioni confermate. Il sindaco di Polizzi Generosa, Gandolfo Librizzi, sarà candidato al...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy