Cerca
sabato, 23 ottobre 2021 ore 13:19
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Torna il Giro di Sicilia
e fa tappa a Termini

In gara anche Vincenzo Nibali
C’è anche una tappa, la terza, da Termini Imerese a Caronia nel giro di Sicilia che torna dal 28 settembre al primo ottobre. Le tappe saranno quattro per un totale di 712 chilometri. La gara, organizzata da Rcs Sport, fa parte del calendario internazionale del ciclismo.
Il giro è stato presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. C’erano il presidente Nello Musumeci, l’assessore allo sport Manlio Messina, l’amministratore Delegato Rcs Sport, Paolo Bellino, e gli amministratori comunali dei comuni interessati al passaggio della manifestazione. Per Termini Imerese erano presenti l’assessore allo Sport, Pippo Preti, e il delegato della Regione Siciliana per la tappa della città delle Terme, Giuseppe Di Blasi.
La manifestazione sportiva dal grande fascino, riportata sotto i riflettori del ciclismo che conta, è tra le più antiche e gloriose corse a tappe italiane. Prima edizione nel 1907, prima anche della nascita del Giro d’Italia. Il Giro di Sicilia ha animato a più riprese il panorama ciclistico italiano con picchi di celebrità quali il 1974 (successo di Roger De Vlaeminck) e il 1977 (Giuseppe Saronni), prima della vittoria a stelle e strisce dell’americano Brandon McNulty nel 2019.
La nuova edizione del Giro di Sicilia che si annuncia spettacolare sia per i percorsi proposti, sia per i paesaggi attraversati che per la qualità dei partecipanti. Ma anche per i ciclisti coinvolti. Annunciati alla partenza anche Vincenzo Nibali, Cristopher Froome e Alejandro Valverde. Saranno venti le formazioni al via di sette corridoi ciascuna.
La terza tappa Termini Imerese-Caronia è in calendario il 30 settembre con partenza da piazza Duomo alle ore 10,15. Si tratta di una tappa impegnativa con salita che portano a Geraci Siculo e Pollina e arrivo sullo strappo di Caronia per complessivi 180 km.
Dopo lo stop del 2020 per la pandemia, il Giro di Sicilia riparte con la prima tappa da Avola a Licata, 179 chilometri, poi sarà la volta della Selinunte-Mondello di 173 chilometri, quindi la Termini Imerese-Caronia, per chiudere il primo ottobre con la Sant'Agata di Militello-Mascali di 180 chilometri.
La tappa Termini-Caronia si snoda nell’interno della Sicilia con finale in salita. É una tappa mossa altimetricamente e caratterizzata da un ininterrotto susseguirsi di curve. Si percorrono strade con carreggiata di larghezza variabile e con fondo a volte usurato. Gli attraversamenti cittadini possono presentare tratti in pavé di varia foggia. Dopo Cerda si scala l’interminabile salita della Forcella di Barfuco attraverso le “Petralie” fino nei pressi di Geraci Siculo. Segue una lunghissima discesa che precede il GPM di Pollina (11 km al 6% circa) e poi il breve tratto costiero che porta alla salita finale. Ultimi 3 km in salita attorno al 6% con punte superiori lungo una strada che si snoda a tornanti verso il borgo Rettilineo finale di 300 m, largo 6 metri in piano su asfalto.
“Per la nostra comunità accogliere questo straordinario evento è una vetrina importantissima anche per far conoscere, attraverso le dirette della Rai, le nostre bellezze”, dice l’assessore Pippo Preti. “Nel programma dell’amministrazione Terranova l’attenzione per lo sport è sicuramente uno dei punti fondamentali e il giro di Sicilia rientra in pieno in questo obiettivo. Lo sport è vita, ecco perché in questi giorni abbiamo iniziato una serie di iniziative al fine di recuperare quanto prima le nostre strutture sportive da molto tempo lasciate all’incuria del tempo.”
Sulla stessa scia il sindaco Maria Terranova, che aggiunge: “Siamo lieti di ospitare un evento di questa portata. Abbiamo già coinvolto le associazioni ciclistiche locali che saranno di sostegno lungo tutto il percorso cittadino. Siamo certi che il passaggio dei concorrenti regalerà un momento di serenità e normalità a tutta la cittadinanza”.
Per questa occasione piazza Duomo sarà allestita dagli organizzatori con gazebi e aree specifiche dedicate. Da qui i corridori attraverseranno il centro storico di Termini Imerese fino a giungere il rettilineo di via Libertà da dove avverrà l’effettiva partenza dei partecipanti.
“Con il giro di Sicilia, competizione più antica del Giro d’Italia”, afferma il presidente Nello Musumeci “affidiamo al ciclismo di qualità un efficace messaggio di promozione della nostra Isola”. E aggiunge: “Puntiamo, oltre che al turismo ‘tradizionale’ ad attrarre turismo di settore e i flussi legati al segmento sportivo di eccellenza. Per questo siamo pronti ad accogliere, l’anno prossimo, il ritorno del Giro d’Italia. La volontà del governo regionale è quella di lanciare, anche attraverso eventi così rilevanti, un forte segnale di rivincita e di speranza alle migliaia di persone appassionate di questo antico e popolare sport”.
16.09.2021

Gli articoli in primo piano
CULTURA & SPETTACOLI Il sorriso contagioso di Vincent Schiavelli e lo sguardo intenso di Giuseppe Antonio Borgese....
CRONACA Per riportare il grifone nelle Madonie è stata piazzata e inaugurata una voliera in contrada Terra...
CRONACA Il consiglio comunale di Cefalù ha approvato un piano di opere pubbliche, fatto di interventi e...
CRONACA Un pannello staccatosi dalla galleria Gallizza ha provocato la chiusura per quasi dieci ore...
CULTURA & SPETTACOLI Il 23 ottobre, in occasione della Giornata europea dei Parchi letterari, il Comune e la Consulta...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy