Cerca
lunedì, 10 maggio 2021 ore 9:18
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Blutec, lavoratori in piazza
protestano alla Regione

I lavoratori della Blutec sono scesi in piazza e hanno protestato davanti a palazzo d’Orleans. Con loro anche alcuni rappresentanti del comitato dei sindaci del circondario. Gli operai hanno esposto uno striscione in cui è riassunto il loro dramma: "Umiliati e derubati, Termini Imerese non deve morire. Politici siciliani aiutateci, ci sono 1000 famiglie disperate non abbandonateci". Fim Fiom e Uilm hanno chiesto un incontro al presidente Nello Musumeci e poi hanno parlato con l’assessore alle attività produttive, Mimmo Turano.
La protesta arriva a palazzo d’Orleans per sollecitare l’intervento e il sostegno della Regione, assente nell’ultima deludente riunione al Mise.
A stimolare la mobilitazione di lavoratori e sindacati è la preoccupazione che il piano di ripresa produttiva preparata dai commissari della Blutec possa essere bocciato dal Mise con il conseguente licenziamento collettivo dei lavoratori, che sono da dieci anni in cassa integrazione ormai in scadenza.
Per qualche tempo i manifestanti si sono radunati davanti al palazzo, presidiato dalle forze di polizia, e hanno bloccato la circolazione, che poi è ripresa.
Musumeci ha cercato di riversare sul governo nazionale il peso politico della vertenza. "Questa – ha detto – è solo la punta dell’iceberg perché sono tante le vertenze in Sicilia di aziende senza futuro. Ma sulla ex Fiat credo che si sia perso troppo tempo. A Roma manca una task-force che possa ricollocare le aziende in difficoltà".
Sul tavolo del Mise c’è la richiesta di rinnovo dell’accordo di programma. Sono 240 milioni di euro per la reindustrializzazione dell’area, scaduto nel 2018. Finora non è arrivata alcuna proposta di interesse per il rilancio del sito industriale. "L'obiettivo – secondo Musumeci – non può essere la proroga della cassa integrazione in eterno: se un’azienda non sta più sul mercato, si riqualifichi la risorsa umana e la si ricollochi altrove e per altri progetti. Questo dovrebbe fare un governo serio: gli operai vogliono semplicemente lavorare ".
Il prossimo incontro, quello decisivo, tra sindacati e Mise è fissato per l’11 maggio. Ma tutti temono che la trattativa resti senza prospettive. E questo alimenta il tono della protesta.
04.05.2021

Gli articoli in primo piano
SPORT La Targa Florio numero 105 ha confermato tutto il suo fascino proseguendo una storia fatta di...
CRONACA Almeno fino al 16 maggio la Sicilia resterà in zona arancione con Sardegna e Valle d’Aosta mentre...
CULTURA & SPETTACOLI Dal 13 settembre al 3 ottobre 2021 un centinaio di artisti nazionali e internazionali parteciperà...
CRONACA L’istituzione di zone franche montane è stata al centro della mobilitazione di sindaci siciliani...
SPORT La Targa Florio numero 105 accende i motori per la gara più antica del mondo sul classico circuito...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy