Cerca
lunedì, 10 maggio 2021 ore 9:46
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Per i lavoratori della Blutec
1° maggio davanti ai cancelli

I lavoratori della Blutec passeranno il primo maggio davanti ai cancelli della fabbrica. E martedì si ritroveranno a Palermo davanti a palazzo d’Orleans. Questo programma di lotta nasce dal fallimento dell’ultimo vertice al Mise con i sindacati che ha aperto un futuro nero per mille operai e per le loro famiglie. Un colpo al piano di ripresa produttiva.
“C'è il pericolo concreto – dice Roberto Mastrosimone segretario regionale della Fiom – che il 16 maggio il Mise possa bocciare il piano dei commissari straordinari, con la conseguente liquidazione e il licenziamento collettivo ".
Davanti allo stabilimento a fianco dei lavoratori ci sarà anche una delegazione del Comitato dei sindaci.
“I lavoratori non ce la fanno più. Temiamo - dice Antonio Nobile segretario generale Fim Cisl Palermo Trapani - che non sarà approvato il programma presentato dai commissari straordinari di Blutec. Si potrebbe arrivare alla liquidazione dell'azienda e quindi ai licenziamenti. In mancanza dell'ok sul piano intanto è fondamentale la proroga dell'amministrazione straordinaria e la concretizzazione delle manifestazioni di interesse per l’area industriale di Termini. Bisogna pensare alle tutele per tutti, dipendenti Blutec e lavoratori dell’ex indotto Fiat perché ancor più in questo momento non possiamo consentire la perdita di posti di lavoro”.
La seconda giornata di protesta, davanti a palazzo d’Orleans, trova una motivazione nel fatto che all'ultimo vertice al Mise la Regione era assente. “Vogliamo capire – incalza Mastrosimone – se il governo Musumeci ha deciso di mollare in modo definitivo mille lavoratori".
I sindacati sono molto preoccupati, anche perché dal Mise e dalla Regione non è arrivata alcuna rassicurazione sul rinnovo dell'accordo di programma: 240 milioni di euro per la reindustrializzazione dell'area, scaduto nel 2018. Nulla si sa ancora del progetto del Consorzio Sud, che si era fatto avanti per rilevare la fabbrica
30.04.2021

Gli articoli in primo piano
SPORT La Targa Florio numero 105 ha confermato tutto il suo fascino proseguendo una storia fatta di...
CRONACA Almeno fino al 16 maggio la Sicilia resterà in zona arancione con Sardegna e Valle d’Aosta mentre...
CULTURA & SPETTACOLI Dal 13 settembre al 3 ottobre 2021 un centinaio di artisti nazionali e internazionali parteciperà...
CRONACA L’istituzione di zone franche montane è stata al centro della mobilitazione di sindaci siciliani...
SPORT La Targa Florio numero 105 accende i motori per la gara più antica del mondo sul classico circuito...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy