Cerca
lunedì, 10 maggio 2021 ore 10:37
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

È stata un'occasione mancata

Lo avevo per tempo pronosticato: alla fine la giuria dei tre esperti ha deciso di escludere Geraci dalla possibilità di vittoria del titolo di Borgo dei borghi d’Italia 2021. Si è verificato che, nonostante Geraci non abbia beneficiato dei 33,33 punti assegnati dai tre giudici a Tropea, Baunei e Albori, con i soli voti popolari Geraci ha scavalcato quest’ultimo borgo. Quindi da sola ha conquistato oltre un terzo dei voti popolati. I restanti due terzi sono andati agli altri 19 borghi. Un risultato veramente stupefacente.
Quali siano state le dinamiche che hanno mosso le scelte dei giurati e quali le motivazioni delle loro scelte il programma non ha ritenuto di doverlo chiedere agli stessi esperti. Non sono stati nemmeno rese note le percentuali dei voti popolari che ogni singolo borgo ha totalizzato. Siamo d’accordo che si tratta pur sempre di un gioco, ma questo gioco assegna un titolo che vale molto per chi lo riceve, tipo “miss Italia “. La televisione di Stato è obbligata a fare chiarezza e rendere noto tutto, perché anch’essa deve sottostare agli obblighi di trasparenza che valgono per tutti gli enti pubblici.
Chi scrive, dopo 45 anni ininterrotti di impegno nei diversi ruoli istituzionali e sociali, lavorando ininterrottamente per promuovere e far crescere Geraci e le Madonie, ha ritenuto questa un'occasione unica e irripetibile per portare a compimento, con buone possibilità di riuscita, l'obiettivo di porre un territorio all'attenzione dell'opinione pubblica. Però non prendiamoci in giro: tra qualche settimana si parlerà solo di Tropea, quale Borgo più bello d’Italia per il 2021. Tutto il resto sarà dimenticato e non sappiamo se Geraci avrà ancora un’altra occasione per rifarsi. Per cui si deve parlare di occasione persa.
Il rammarico è forte in tutti quanti si sono impegnati in questa competizione. Si vedeva nei volti, si percepiva nell’aria e si legge sui social e nei messaggi privati. Forse qualcosa in più potevano farla chi era in contatto con la Rai per cercare un modo per far conoscere i nostri splendidi borghi madoniti e Geraci a questi giurati, che sembra non ne abbiano avuto la giusta conoscenza. Magari non si è fatto per eccesso di correttezza. Immagino però che nelle prossime edizioni questa formula va rivista e migliorata. Così com’è credo che darà sempre adito a polemiche e discussioni.
Rimane un dato inconfutabile. I siciliani, ovunque si trovassero nel mondo, sono stati tutti bravissimi nel sostenere Geraci e la Sicilia. Il risultato ottenuto e l’amarezza lo dimostrano. Da questa esperienza se ne trae ancora una volta la consapevolezza che, quando il popolo siciliano decide di essere unito, nessun risultato è impossibile da conseguire.
05.04.2021

Gli articoli in primo piano
SPORT La Targa Florio numero 105 ha confermato tutto il suo fascino proseguendo una storia fatta di...
CRONACA Almeno fino al 16 maggio la Sicilia resterà in zona arancione con Sardegna e Valle d’Aosta mentre...
CULTURA & SPETTACOLI Dal 13 settembre al 3 ottobre 2021 un centinaio di artisti nazionali e internazionali parteciperà...
CRONACA L’istituzione di zone franche montane è stata al centro della mobilitazione di sindaci siciliani...
SPORT La Targa Florio numero 105 accende i motori per la gara più antica del mondo sul classico circuito...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com Privacy Policy