Stampa articolo
LO PREVEDE UN’INTESA CON IL PARCO

Rinasce a Piano Zucchi l’area della fauna tipica

Un protocollo d’intesa per ripristinare la funzionalità dell’area faunistica di Piano Zucchi. È stato firmato dal commissario dell’Ente Parco delle Madonie, Salvatore Caltagirone, dal commissario dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sicilia, Salvatore Seminara, e dal dirigente dell’Ust di Palermo Vincenzo Lo Meo. L’area è stata realizzata negli anni ottanta dall’Azienda Foreste Demaniali. L’obiettivo era quello di attivare e creare opportunità di ricerca e nel contempo renderla maggiormente fruibile al turismo naturalistico, didattico e ricreativo. Gli obiettivi previsti nell'accordo si realizzeranno attraverso attività che offriranno servizi ai visitatori dell’area faunistica, promuoveranno la comunicazione tra comunità scientifica e altri portatori di interesse e potenzieranno la funzione conservativa dell’area protetta. In particolare si gestiranno in maniera ottimale le popolazioni di fauna delle specie già presenti nell’area che verranno regolarmente monitorate, anche dal punto di vista sanitario. Al fine di migliorare la didattica e la divulgazione ambientale verranno realizzati appositi pannelli in modo da dare informazioni sulle specie presenti, sulla loro etologia e habitat. Inoltre, nell’ambito dello stesso protocollo e in virtù della loro collaborazione, si prevede la realizzazione di una voliera per il ricovero di alcuni grifoni, in modo da creare un'area di attrazione, che insieme ai carnai già realizzati dal Parco delle Madonie possono rappresentare un’opportunità per allargare l’area della specie. Infine il protocollo prevede il posizionamento di arnie di ape siciliana, utile anche come indicatore biologico-ambientale.
19.12.2019