Cerca
domenica, 05 aprile 2020 ore 3:15
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Il Mandralisca va in scena
nella serata dei licei classici

Per la notte dei licei classici il Mandralisca di Cefalù ha dato vita a una doppia celebrazione: la prima parte si è svolta presso l’istituto e ha visto protagonisti alunni e professori che hanno messo in risalto le qualità e le opportunità offerte dall'istituto, mentre la seconda parte è andata in scena al teatro Artigianelli, dove, per il terzo anno consecutivo, gli studenti si sono esibiti di fronte a un pubblico numeroso.
Il Mandralisca è stato affollato da alunni delle scuole medie che, accompagnati dai genitori, sono andati alla scoperta di questo nuovo mondo nel quale potrebbero presto approdare, colorato dalle tantissime attività e conferenze che si sono svolte nelle aule e nei laboratori. Quello di fisica ha ospitato lezioni di anatomia e dimostrazioni messe in atto dagli studenti, alle prese con l’attrezzatura scientifica di cui il liceo dispone, all'interno del quale si trovano anche strumenti appartenuti al padrone di casa, il barone Enrico Piraino di Mandralisca.
Nelle altre aule si sono svolte conferenze con i temi più svariati: dai progetti culturali a quelli sportivi, dalla musica greca ai quiz show per i ragazzi, dall'astronomia ai debate.
La seconda parte, iniziata alle 21.30 al teatro Artigianelli, ha visto la partecipazione speciale del barone Mandralisca accompagnato dalla consorte, la baronessa Francesca: l’uno e l’altra con l'abbigliamento storico confezionato grazie alla partecipazione del museo Mandralisca. Uno spettacolo magistralmente diretto dall’ex alunno, Carlo Rinaldo, e dalla professoressa referente del progetto, Cinzia Maglio.
Le due ore e mezza di evento hanno visto i talenti più svariati degli alunni del Mandralisca. In risalto anche la studentessa Alessia Paola, che ha portato in scena la sa “Omeride”: un racconto nel quale spiega dove Omero abbia preso l'ispirazione per scrivere l’Iliade, con un mix di modernità e comicità.
Una sigla a effetto per iniziare la serata, “ Tutti al classico, al classico, venite al Mandralisca”, e poi sulle note di “Cara Italia” di Ghali, i ragazzi hanno remixato gli articoli greci. Grande spazio anche alla recitazione con la performance di Andrea Capuana e Cecilia Tumminello nel monologo “Fiero di essere siciliano” di Ficarra e Picone.
Dopo il primo successo dello scorso anno, anche “L’Andrea Capuana Show” ha fatto capolino nel programma della sera: uno spettacolo ispirato al “Maurizio Costanzo Show”, che quest’anno ha visto protagonisti i grandi scrittori italiani, partendo da Dante e Petrarca fino a Pascoli e D’Annunzio.
Non poteva non esserci il gran finale, che arriva con la messa in scena dell’Eneide, sotto forma di musical. Un’opera interamente scritta dal direttore artistico Carlo Rinaldo, anche lui in scena con i ragazzi.
A concludere la serata è stata la lettura in contemporanea nazionale del prologo dell’Agamennone di Eschilo, letto in lingua originale da Federico Giambalvo e interpretato da Gianluca Serio. Non sono mancati ovviamente i saluti finali e i ringraziamenti con intervento del sindaco, Rosario Lapunzina, e del dirigente scolastico Francesco Di Majo.
19.01.2020

Gli articoli in primo piano
CRONACA Il virus ha messo in ginocchio il turismo. E ora arriva un’altra mazzata: in Sicilia la stagione...
CRONACA "Quando comincerà la fase 2, avete già una data?", chiede la collega al capo della Protezione...
CRONACA È consapevole che la promiscuità dei reparti Covid e non Covid è un fattore di rischio. E per...
CRONACA Tre giorni fa hanno espresso “preoccupazione e perplessità” sulla creazione di un’area anti...
CRONACA Tutte le perplessità sull’area Covid all’interno del Giglio sono rimaste salde anche dopo...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com