Cerca
lunedì, 25 maggio 2020 ore 19:20
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
INNOVAZIONI NELLA TERAPIA INTENSIVA

Il Giglio all’avanguardia
con il sistema salvavita

La Fondazione Giglio ha avviato gli interventi di innovazione strutturale e tecnologica dell’emodinamica, della terapia intensiva coronarica e dell’elettrofisiologia. “C’è un investimento di 1,5 milioni di euro - ha anticipato il presidente Giovanni Albano - che doterà l’Istituto delle migliori tecnologie presenti sul mercato ampliandone i campi di applicazione e rendendo ancora più performante un servizio salvavita”.
Il cronoprogramma dei lavori prevede una chiusura di 15 giorni del servizio di emodinamica e utic, per cui ha sottolineato il direttore sanitario Salvatore Vizzi “non potrà essere preso in carico alcun paziente affetto da infarto miocardico acuto o patologie che dovesse richiedere uno studio emodinamico”. La direzione sanitaria ha già allertato la Seus 118 e gli ospedali più vicini dotati del servizio di emodinamica.
Proseguirà, invece, regolarmente l’attività del reparto di cardiologia, diretto da Tommaso Cipolla, e del servizio di elettrofisiologia con gli impianti di device come pace-maker, defibrillatori e i relativi controlli.
La ristrutturazione dell’unità prevede, nei 15 giorni di stop, il rifacimento degli impianti, dei servizi e della pavimentazione e l’installazione di due angiografi digitali, di un sistema di monitoraggio per le quattro postazioni di terapia intensiva coronarica, e di un nuovo ecocardiografo. Tutte apparecchiature top di gamma.
Il nuovo agiografo digitale consentirà di eseguire anche procedure di chirurgia vascolare oltre che cardiologiche. La seconda sala di elettrofisiologia permette di poter trattare, in contemporanea, un secondo paziente con infarto.
La cardiologia, diretta da Tommaso Cipolla, e l’emodinamica coordinata dal responsabile Mariano Becchina, tratta circa 250 infarti ogni anno di cui 100-120 “stemi” (infarto miocardico acuto con soprasdivellamento “ST”) su un tutale di 800 procedure diagnostiche e di circa 450 angioplastiche/anno. I ricoveri sono oltre 1200 l’anno di cui i tre quarti provenienti dal pronto soccorso.
Nell’ultimo report sulla performance del sistema sanitario in Sicilia redatto dal Dasoe, la cardiologia di Cefalù è risultata la prima in Sicilia per tempestività di intervento sia nell’infarto miocardico acuto sia in una forma particolare di infarto detto “stemi”in cui è particolarmente importante l’intervento immediato.
L’elettrofisiologia del Giglio è coordinata da Gabriele Giannola.
04.11.2019

Gli articoli in primo piano
CRONACA Cefalù riapre. Non tutta ma alcuni siti importanti come la Rocca da lunedì 25 maggio possono...
CRONACA Il virus fa sapere di esserci. Ci sono infatti in Sicilia quattro nuovi contagi e un decesso. La...
CRONACA Non era come a Mondello ma c’erano alcuni bagnanti della domenica sulla spiaggia di Cefalù. E...
CRONACA Prima di lasciare, dopo 11 anni, Cefalù il vice questore Manfredi Borsellino ha voluto lasciare un...
CRONACA Sul molo di Cefalù il sindaco Rosario Lapunzina ha consegnato agli assessori Toto Cordaro e Marco...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com