Cerca
lunedì, 22 luglio 2019 ore 4:01
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

I ragazzi dell’Archeoclub
alla scoperta di Himera

I soci junior dell'Archeoclub d'Italia, sede di Cefalù, hanno vissuto un’esperienza stimolante a contatto con i gioielli del museo “Pirro Marconi” di Himera. Il gruppo di 11 ragazzi accompagnati da tre genitori e dalla socie responsabili del progetto – Flora Rizzo e Stefania Randazzo – è stato accolto da Maria Rosa Panzica e dagli addetti alla didattica museale.
Le attività hanno compreso una interessante e coinvolgente introduzione sulla storia della città, a cominciare dalla fondazione avvenuta nel 649 a.C. circa, passando dalla celeberrima battaglia d'Himera del 480 a.C., per arrivare alla distruzione della città a opera dei punici nel 409 a.C., e al suo abbandono.
La coinvolgente narrazione/spiegazione della dottoressa Panzica, responsabile del Parco archeologico di Himera, è stata supportata da strumenti didattici: pannelli, plastici, riproduzioni e i tanti e interessanti reperti esposti lungo il percorso museale. Infine i giovani soci sono stati invitati a sedersi tutt'intorno a un grande sgabello cilindrico (le cui dimensioni sono quelle di un rocchio di colonna del tempio) per assistere a una esemplificazione delle prime operazioni di conservazione che vengono eseguite nella fase di scavo.
Il gruppo si è poi trasferito all'Antiquarium costruito sulle falde della collina di Himera. Nell’edificio progettato dal prof. Franco Minissi e inaugurato nel 1984, i soci junior dell'Archeoclub è entrato nel vivo del progetto, focalizzando l'attenzione verso la realtà del deposito non come luogo "oscuro" e "invisibile" ma come parte fondamentale e integrante del museo.
Il percorso è proseguito con la visita di alcuni ambienti utilizzati dagli archeologi per la fase di riconoscimento filologico dei reperti e i successivi passaggi per l'inventariazione e il deposito. La soddisfazione maggiore dei giovani visitatori si è manifestata davanti al cancello con la scritta "Scavi Cefalù - Monte Riparato - Terravecchia di Cuti"; e poi davanti alle cassette di metallo con le scritte: "Cefalù Duomo"; "Cefalù Necropoli"; "Cefalù Necropoli Vazzana 1986". Infine nella sala "Restauro", la dimostrazione con pennellino, inchiostro e vernice, dell'assegnazione del numero d'inventario al reperto.
24.06.2019
la Redazione

Gli articoli in primo piano
CRONACA Tragedia nel tratto finale del lungomare di Cefalù. Una turista ucraina di 75 anni è morta mentre...
CRONACA Nove pazienti oncologici dell’ospedale Giglio non possono essere operati perché mancano le scorte...
CRONACA “Questo è un piccolo passo per un uomo, un gigantesco balzo per l'umanità”. La frase di Neil...
CRONACA Torna a Collesano “Miss Moda Acanthus” che per la prima volta apre la sua passerella al concorso...
POLITICA Acqua, rifiuti, viabilità, lavori pubblici, feudi comunali, ma anche tanti altri temi. Sono stati...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com