Cerca
lunedì, 23 settembre 2019 ore 13:14
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
INAUGURATO A PETRALIA SOPRANA

Nasce il museo che racconta
la storia del borgo più bello

Il museo “Gaetano Messineo” apre le porte. Una giornata memorabile per il Borgo più bello d’Italia che ha inaugurato il museo civico etnoantropologico e del sale dedicato all’archeologo Gaetano Messineo.
Nel giorno dedicato alla festa dei musei dal Ministero per i beni e le attività culturali, che si celebra ogni anno nel terzo fine settimana di maggio, Petralia Soprana festeggia il proprio spazio espositivo culturale aprendolo ai visitatori.
L’inaugurazione è stata inserita nella manifestazione “Musei come Hub culturali e sociali. Programmi e prospettive nella Alte Madonie” che vede protagonisti i musei di Petralia Sottana e Gangi.
Un evento nell’evento fortemente voluto dall’amministrazione comunale guidata da Pietro Macaluso e da Ernesto Messineo, fratello di Gaetano, che ha donato al nascete museo quasi tutti i reperti che oggi è possibile ammirare nelle stanze dell’ex carcere mandamentale sul quale si erge una parte del palazzo comunale.
“Il compito di un museo – ha spiegato Messineo – è quello di raccogliere, studiare e raccontare. Con questa raccolta mostriamo un passato non lontano legato alla civiltà contadina e ai feudi che ha caratterizzato il nostro territorio. Nella nostra mente – continua Messineo – c’è anche una ipotesi di museo diffuso nel territorio con sezioni dedicate alle attività produttive (vedi la miniera del salgemma), ai mestieri, alle tradizioni popolari, all’archeologia, agli opifici, ecc..”.
La manifestazione è stata anche l’occasione per presentare il progetto, già realizzato dai giovani del Malaspina di Palermo, “Ti racconto il museo di Petralia Soprana, i giovani incontrano l’archeologia” del quale hanno parlato l’ex direttore del carcere Michelangelo Capitano e Dario Scarpati.
All’inaugurazione sono intervenuti anche il parroco don Calogero Falcone e l’ing. Michele Simili direttore della miniera Italkali che ha sposato l’idea di allestire all’interno del museo una sezione dedicata all’estrazione del salgemma.
“L’apertura di questo museo – ha detto il sindaco Pietro Macaluso – è il frutto di una grande sinergia che ha visto all’opera amministratori comunali, cittadini, l’azienda Italkali e soprattutto Ernesto Messineo che ha fatto da traino. Oggi è una giornata importante per Petralia Soprana perché un altro tassello si aggiunge all’offerta turistica culturale del Borgo più bello d’Italia. I reperti esposti raccontano una pagina di storia del nostro paese non molto lontana ma ormai scomparsa. La visita al museo di Petralia Soprana diventa quindi una occasione per ricordare o per scoprire e comprendere le nostre tradizioni, gli usi, i costu¬mi e il modo di vivere del popolo siciliano”.
18.05.2019

Gli articoli in primo piano
SPORT Antonino Lollo, come in buona misura previsto, e Angela La Monica sono i vincitori della seconda...
CULTURA & SPETTACOLI Comincia il 26 settembre 2019 a Gangi l’affascinante rievocazione storico-medievale “Vivere in...
CRONACA A sostegno dell'iniziativa del comitato regionale per l'istituzione delle Zone franche montane in...
CRONACA “Cesare Terranova, il magistrato e l’uomo”. Per i 40 anni dall’omicidio del giudice Cesare...
POLITICA La calma, l’equilibrio, la ricerca della mediazione senza rinunce rappresentavano il suo registro...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com