Cerca
lunedì, 22 luglio 2019 ore 3:21
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
PARTE UNA CAMPAGNA DA CEFALÙ

«Nati per non inquinare»
con i pannolini ecologici

Parte a Cefalù una campagna di sensibilizzazione per l'uso di pannolini ecologici lavabili. L’iniziativa "Nati per non inquinare", promossa dal Comune in collaborazione con l'associazione nazionale NonSoloCiripà, partirà sabato 11 maggio alle 10:00, presso la sala consiliare di Cefalù. In un incontro pubblico si parlerà delle buone pratiche per la raccolta differenziata e verrà presentata un’iniziativa che vuole contribuire a ridurre considerevolmente la frazione indifferenziata dei rifiuti solidi urbani costituita dai pannolini usa e getta (altamente inquinanti e non biodegradabili), e favorire l'uso dei pannolini lavabili, ecologici, economici e riutilizzabili.
L'uso di pannolini lavabili apporta svariati vantaggi alle famiglie che ne fanno uso, ma anche all'intera comunità. Oltre a quelli salutari, anche quelli economici e ambientali: un pannolino usa & getta impiega fino a 500 anni per potersi decomporre in ogni sua parte e, calcolando che un neonato consuma in circa 2,5 anni 5550 pannolini circa, la quantità di rifiuti diventa visibilmente enorme.
Tutto questo si traduce in un danno grave per il pianeta. Inoltre, incentivare l'uso dei pannolini lavabili può portare anche a un risparmio economico: se ogni famiglia con un neonato usasse 25 pannolini lavabili (contro 5550 di usa e getta), il servizio che si andrebbe a pagare per lo smaltimento di rifiuti indifferenziati diminuirebbe drasticamente.
Al mondo si utilizzano ben 3,5 miliardi di galloni di olio, 82 mila tonnellate di plastica e 1,3 milioni di tonnellate di polpa di legno per produrre 18 miliardi di pannolini di plastica. Questi pannolini necessitano di circa cinque secoli per decomporsi e non sono completamente biodegradabili. Si potrebbe obiettare però che per lavare i pannolini riutilizzabili si consuma molta acqua: in realtà se ne consuma il il 37% in meno rispetto a quanta se ne consuma per produrre i pannolini usa e getta.
Inoltre per produrre questo tipo di pannolini si consumano anche molte altre risorse naturali e si impiegano prodotti come solventi, metalli pesanti, polimeri, diossine e furani, che finiscono poi ad inquinare le nostre acque.
Ogni giorno in Italia si usano almeno sei milioni di pannolini usa e getta che, in un anno, si traducono in 2 miliardi e 190 milioni di pannolini di plastica. Il "contributo" da parte dei singoli bambini (forse sarebbe più opportuno dire dei loro genitori) è di circa una tonnellata al compimento del terzo anno (circa 4500-5000 pannolini).
10.05.2019

Gli articoli in primo piano
CRONACA Tragedia nel tratto finale del lungomare di Cefalù. Una turista ucraina di 75 anni è morta mentre...
CRONACA Nove pazienti oncologici dell’ospedale Giglio non possono essere operati perché mancano le scorte...
CRONACA “Questo è un piccolo passo per un uomo, un gigantesco balzo per l'umanità”. La frase di Neil...
CRONACA Torna a Collesano “Miss Moda Acanthus” che per la prima volta apre la sua passerella al concorso...
POLITICA Acqua, rifiuti, viabilità, lavori pubblici, feudi comunali, ma anche tanti altri temi. Sono stati...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com