Cerca
venerdì, 22 febbraio 2019 ore 3:20
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
CASTELBUONO RICORDA LO SCRITTORE

Il paese come cosmo,
Castelli 30 anni dopo

A trent’anni dalla morte Castelbuono ricorda Antonio Castelli, la sua opera, il suo impegno civile e culturale. Un calendario di eventi appena delineato partirà nel fine settimana con iniziative promosse dall’associazione Castelli-Di Pace, in collaborazione con il Comune, il Museo Civico e il CentroPolis di Castelbuono. Il progetto è quello di onorare la memoria di Castelli, valorizzare i contenuti e la tempra della sua opera letteraria, l’impegno in diversi ambiti culturali e civili. Con la cura di Loredana Di Pace, vedova Castelli, sono state organizzate alcune manifestazioni e altre ne saranno programmate nella stagione autunnale anche in collaborazione con la biblioteca comunale, il Museo naturalistico Francesco Minà Palumbo e la Fondazione Mandralisca di Cefalù.
La presenza a Castelbuono dello scrittore è rinnovata dalla donazione che la signora Di Pace ha voluto fare al Comune della casina e della circostante campagna, in contrada Sant’Ippolito, spazio dell’anima in cui nacque e periodicamente soggiornò Antonio Castelli: proprio in quel luogo ha raccolto “il parlare contadino” e tante espressioni di quella saggezza che traspare dalle sue opere. L’associazione Castelli-Di Pace e il CentroPolis, cui il Comune ha affidato la cura e la promozione della donazione, sono impegnati per restituire, diffondere e attualizzare il messaggio dello scrittore.
Venerdì 6 luglio dalle ore 18:00 presso il Castello dei Ventimiglia, in collaborazione con il Museo Civico, è in programma il convegno “Paese come cosmo: vita ed opere di Antonio Castelli”, con relazioni dei professori Giuseppe Saja e Aldo Gerbino, le testimonianze del giornalista Giuseppe Oddo e del dirigente scolastico Tommaso Gambaro, la lettura di testi di Stefania Sperandeo, Anna Maria Guzzio e Giuditta Perriera, l’omaggio musicale di Rosa Maria Macaluso pianista, allieva prodigio della maestra Donatella Sollima, e Fulvio Di Genova, violoncellista, già amico dello scrittore, che ha composto brani ispirati ai suoi testi.
Sabato 7 luglio alle ore 21, presso l’Auditorium Centro Sud, in collaborazione con il CentroPolis, è in programma “Luigi che sempre ti penza…”, di e con Gigi Borruso, atto unico ispirato alle Lettere di deportati dalla terra, tratte da Entromondo, seconda opera edita di Antonio Castelli.
Nell’ultimo fine settimana di agosto è in programma, presso la Casina e il giardino di Sant’Ippolito, “Passi a piedi passi a memoria”, itinerario letterario su testi selezionati da Giuseppe Saja, a cura di Stefania Sperandeo, Anna Maria Guzzio e Giuditta Perriera, con la partecipazione di gruppi locali di canto popolare.
Nel corso delle manifestazioni l’associazione promuoverà la compartecipazione alle attività per valorizzare la memoria dello scrittore e del patrimonio che la signora Loredana ha donato alla comunità di Castelbuono, anche attraverso un crowdfunding per la coltivazione del giardino.
05.07.2018

Gli articoli in primo piano
CRONACA In un incidente sull'autostrada Palermo-Catania è morto il magistrato Giovanni Romano, 39 anni,...
CRONACA Partono i distretti del cibo siciliano. Il GAL Madonie si prepara a partecipare a questa nuova...
CRONACA Slittini “pirata” e scontri sui pendii ghiacciati. Sono stati nove gli incidenti sulla neve che...
CRONACA Da Martin Scorsese a Domenico Dolce. Dieci personaggi del mondo dello spettacolo, dell’arte e...
POLITICA I sindaci hanno disertato le sedute e la Regione manda un commissario ad acta per approvare il...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com