Cerca
mercoledì, 22 agosto 2018 ore 3:12
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
SI NASCONDEVA NELLE CAMPAGNE DI CACCAMO

Il giallo dei due scomparsi,
uno ritrovato e arrestato

Accusato di avere ucciso l’amico
Due scomparsi, ma uno solo sarebbe morto. Uno dei due è stato ritrovato vivo e vegeto in un casolare delle campagne di Montemaggiore ed è stato subito arrestato con l’accusa di omicidio premeditato e occultamento di cadavere. Per gli investigatori questa è la soluzione del giallo che da tre mesi teneva due famiglie con il fiato sospeso. Una storia cominciata a Capaci e conclusa a Caccamo sulla quale Giovanni Guzzardo, 46 anni, dovrà fornire tante spiegazioni. Guzzardo è il titolare del bar Avana di Capaci che dal 7 febbraio era scomparsa con il suo amico e collaboratore Santo Alario, 42 anni.
Dovevano recarsi a Ventimiglia di Sicilia dove non sono mai arrivati. Di loro sono rimasti solo i video mandati da Alario alla compagna Rosalia Sparacio. Nelle immagini si vedono i due a bordo su una Panda che girano per le strade attorno a Ventimiglia di Sicilia. "Sto andando a sbrigare una cosa e poi ti dico", aveva scritto Alario alla compagna. Dalle 15.51 di quel 7 febbraio il collegamento Whatsapp si è interrotto. E anche i cellulari di Alario e Guzzardo sono rimasti spenti.
Le ricerche compiute anche con l’impiego di cani molecolari nella zona di Caccamo e della Diga Rosamarina hanno fatto ritrovare l'auto dalla quale sono state prelevate impronte e altre tracce all’esame della polizia scientifica.
La famiglia di Alario ha sempre chiesto aiuto e lanciato appelli. "Non capisco - ha sempre detto Anna Maria Musso, la madre – cosa doveva andare a fare mio figlio in quei posti sperduti. Sono una donna distrutta. Chiedo di sapere cosa sia successo a mio figlio".
In silenzio, invece, era rimasta la famiglia di Guzzardo.
Si tratta di capire cosa abbia scatenato la decisione di Guzzardo di uccidere l’amico. La madre e la compagna escludono che ci siano stati contrasti. Ma un’ipotesi che si fa strada è quella che ruota attorno alla gestione del bar e a un possibile contrasto di interessi. Ma solo Guzzardo, rinchiuso nel carcere di Termini Imerese, potrà chiarire cosa sia accaduto. E per ora non sembra che davanti al magistrato abbia fatto ammissioni o fornito spiegazioni.
07.05.2018

Gli articoli in primo piano
CULTURA & SPETTACOLI Giunge alla settima edizione il Raduno mediterraneo Jazz Manouche di Petralia Sottana. Organizzato...
CULTURA & SPETTACOLI il Museo Civico di Castelbuono ha acquisito le fotografie selezionate per il premio Giovani “Enzo...
CRONACA Si contano i danni, e sono di una certa entità, del violento temporale che ha investito l'area di...
AMBIENTE Via libera ai lavori di consolidamento della Rocca di Cefalù. Si mette in esecuzione il progetto...
CULTURA & SPETTACOLI Musica, arte, poesia e divertimento è il mix della “Notte bianca in Petra” che da questa sera...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com