Cerca
domenica, 23 settembre 2018 ore 10:20
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Termini, presa prima del colpo
una banda con carro funebre

Erano pronti a dare l’assalto a un furgone porta tabacchi utilizzando un carro funebre rubato. I loro piani - non sono però sfuggiti ai carabinieri che li hanno seguiti anche lungo l’autostrada – erano diretti a Termini Imerese – e li hanno fermati prima di entrare in azione. I sei sono tutti palermitani.
I militari si sono insospettiti quando, nelle prime ore del mattino, i sei si sono incontrati presso un distributore di carburanti. L’allarme è scattato perché i sei sono ben conosciuti e perché già in altre circostanze, prima di colpire, erano soliti riunirsi presso un distributore. Da lì è scattato il servizio dei carabinieri della compagnia di San Lorenzo, che hanno pensato bene di seguire il gruppo anche lungo l’autostrada, in direzione Termini Imerese. Gli immediati accertamenti hanno consentito di verificare che, proprio a Termini, erano previste diverse consegne di tabacchi.
I sei si trovavano a bordo di quattro mezzi. Il sospetto è diventato una ragionevole certezza quando i militari hanno verificato che uno dei sei si trovava a bordo di un furgoncino delle onoranze funebri, che sicuramente sarebbe stato utilizzato per il trasbordo della refurtiva.
Michele Parlatore, 51 anni, e il genero Manuel Patricolo di 23 erano a bordo del furgoncino della ditta “onoranze funebri”. I fratelli Vincenzo e Onofrio Bronzellino di 36 e 39 anni insieme a Giuseppe Trippodo di 30 e Giuseppe Corrao di 45, saliti su tre macchine diverse, avrebbero dovuto effettuare la rapina approfittando della consegna delle scatole presso una rivendita di tabacchi.
I carabinieri, anche con l’appoggio di un elicottero, hanno deciso di intervenire. Una volta fermato, il gruppetto è stato trovato con il perfetto kit del rapinatore: fascette per legare i polsi agli autisti, una bomboletta spray per oscurare la telecamera interna al camion, guanti, cappellini e scaldacollo.
I sei, fermati proprio nelle vicinanze del passaggio del furgone dei tabacchi, sono stati quindi condotti nella caserma di Palermo San Lorenzo.
Gli accertamenti hanno quindi consentito di arrestare tutta la banda per tentata rapina. Per loro, si sono aperte le porte del carcere. Il gip ha poi convalidato gli arresti.
La particolarità è stata ovviamente l’utilizzo del furgone delle onoranze funebri, successivamente risultato rubato.
I sei, tutti palermitani, provengono da quartieri diversi della città (per ragioni investigative non sono stati forniti i nomi).
L’operazione si inquadra nelle attività di contrasto alle rapine ai furgoni porta tabacchi che, nel mese di dicembre, ha consentito di disarticolare un’altra banda. In quell’occasione, l’operazione “Commando”, avviata dopo una tentata rapina, aveva portato all’arresto di ben 13 soggetti, responsabili di associazione per delinquere finalizzata alle rapine ed alla ricettazione.
08.02.2018

Gli articoli in primo piano
CRONACA È in coma all’ospedale Villa Sofia di Palermo l’uomo che giorni fa è stato picchiato dopo una...
CRONACA Dopo un lungo silenzio, pare che stia per ripartire il confronto sul futuro dello stabilimento ex...
CRONACA È stato riattivato alla Fondazione Giglio di Cefalù l'ambulatorio di endocrinologia. Partirà dal...
POLITICA Giura a Gangi il neo assessore Filippo Scavuzzo. Dopo le dimissione per motivi personali di Nino...
POLITICA I giovani amministratori della Città a rete madonita, affiancati dai rappresentanti delle consulte...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Copyrights 2008 © lavoceweb.com
Contatti: redazione@lavoceweb.com