Cerca
giovedì, 25 febbraio 2021 ore 14:24
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS

Contagi in calo, ma la Sicilia
unica regione in area rossa

I contagi diminuiscono e per la Sicilia si presenta una opportunità per cambiare colore: da rosso ad arancione. Oggi si registra uno dei dati più bassi delle ultime settimane: 1.158 nuovi casi. Ma è ancora alto il numero dei morti: 33, uno in più rispetto a ieri. Il numero dei guariti è pure in calo (sono 787), mentre sono stabili i ricoveri in regime ordinario (+3) e in terapia intensiva (+1).
Se questo è il quadro che cosa potrà accadere? Allo stato, come aveva chiesto il presidente Nello Musumeci, la Sicilia è l’unica regione colorata di rosso, come la provincia autonoma di Bolzano.
Il ministro della salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che cristallizza l’area rossa per altri sette giorni. In area arancione vanno invece Lombardia e Sardegna, che si aggiungono a Calabria, Emilia Romagna, Veneto, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Veneto, Piemonte, Puglia, Umbria, Valle d'Aosta. Area gialla infine per Campania, Basilicata, Molise, Provincia autonoma di Trento, Toscana.
Ma proprio sulla collocazione della Sicilia in area rossa c’è un confronto politico aperto. Il segretario regionale della Lega, Nino Minardo, chiede a Musumeci un ripensamento, sia pure con le cautele necessarie e ferme restando tutte le preoccupazioni espresse dal presidente della Regione. Più o meno sulla stessa lunghezza d’onda è il Pd. Lo dice Nello Dipasquale, componente della commissione salute dell’Ars: “Ora anche la Lega, attraverso il suo segretario regionale, sposa le ragioni che il Pd aveva illustrato già fin dallo scorso 18 gennaio, e richiama alla responsabilità il presidente della Regione Musumeci affinché venga revocata una irragionevole zona rossa regionale, circoscrivendo invece l’estrema limitazione solo alle aree dove maggiore è il numero di contagi”.
“Certo appare quantomeno strano – aggiunge – che una forza di governo sia costretta a presentare un ordine del giorno, invece di confrontarsi con il presidente nelle adeguate sedi istituzionali. Sembra l’ennesima conferma di come Musumeci si ostini a rifiutare il confronto non solo con le opposizioni ma anche con le forze che sostengono il suo esecutivo. Il Pd con grande senso di responsabilità sosterrà l’ordine del giorno della Lega – conclude Dipasquale – per recuperare l’immenso e gravissimo errore commesso dal presidente della Regione”.
23.01.2021

Gli articoli in primo piano
CRONACA La vertenza Blutec è ripartita a Termini Imerese con la protesta dei lavoratori. Circa 300 operai...
CRONACA Due rapine in banca: una a Termini Imerese e l'altra, una settimana dopo, a Enna. Proprio dal colpo...
CRONACA In questo momento la Sicilia va in controtendenza. Mentre in Italia la curva dei contagi è in...
CRONACA Ha preso il via al Giglio di Cefalù la campagna di vaccinazione anti Covid-19 per gli over80. Il...
CRONACA Sabato 27 febbraio 2021, nella cattedrale di Cefalù si svolgerà l'assemblea diocesana della Chiesa...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com