Cerca
domenica, 20 settembre 2020 ore 22:14
Diminuisci carattere Ingrandisci carattere Stampa Invia RSS
DAL 21 AL 23 AGOSTO IN PIAZZA DUOMO

Notti culturali a Cefalù
con musica sotto le stelle

Omaggio a Morricone e Bacharach
Dal 21 al 23 agosto tre giorni di musica sotto le stelle in piazza Duomo a Cefalù con musiche del cuore (Morricone e Bacharach), uno spettacolo di teatro-inchiesta e un repertorio jazz proposto dal Brass Group. Appuntamento ogni sera alle 21:30. L’evento è organizzato dall’assessorato alle politiche culturali guidato da Enzo Garbo. Questo il programma.

21 AGOSTO ORE 21:30, PIAZZA DUOMO

LA MUSICA DEL CUORE DA MORRICONE A BACHARACH

Lucy Garsia, Giuseppe Milici, quartetto dei maestri del Brass.
Un progetto nuovo e denso di significato per la nuova collaborazione tra il Brass Group e la città di Cefalù. Il repertorio è pensato per enfatizzare alcuni brani che sono letteralmente nel cuore di tutti, scritti da due dei più grandi compositori di musica per il cinema di tutti i tempi: Ennio Morricone e Burt Bacharach. Morricone è da poco scomparso dopo una vita densa di successi internazionali. È un orgoglio italiano ed era molto legato alla Sicilia e a Cefalù. Il primo ciak di “Nuovo Cinema Paradiso” fu girato al teatro Cicero di Cefalù nel maggio 1988. Di Burt Bacharach basta citare questa frase del sassofonista John Zorn: “Bacharach è uno dei più grandi geni della musica popolare americana. Le sue canzoni superano le aspettative di ciò che una popsong dovrebbe essere. Armonie avanzate, mutazioni di accordi con imprevedibili modulazioni, improvvisi cambi di ritmo... Ma fa apparire tutto così naturale che non te ne rendi conto e non puoi fare a meno di metterti a fischiettarlo.”
Il repertorio è anche un viaggio nel mondo del cinema e di film che sono entrati nella storia grazie anche alle indimenticabili canzoni scritte dai due geni.

22 AGOSTO ORE 21:30, PIAZZA DUOMO

BUTTERFLY BLUES

Butterfly Blues nasce da un’idea di Gery Palazzotto sulle basi di un gruppo artistico di lavoro collaudato. Un gruppo che ha già portato l’innovazione dell’opera-inchiesta al Teatro Massimo di Palermo, il più grande teatro lirico d’Italia, con le “Parole rubate” e “I traditori” indagini sui misteri delle stragi di mafia del 1992E adesso torna con uno spettacolo molto intenso. Le parole e la musica, scritte quasi in contemporanea, raccontano una storia di amore e depistaggi, di sesso e informazione, di speranza e disperazione. Lo spettacolo può essere considerato come un concerto narrato. Oppure come un monologo in musica. Arricchito nei momenti salienti di passi a due di danza contemporanea. Insomma ognuno può leggerci la propria propensione all’ascolto. Tutto ruota attorno al Butterfly effect, cioè quel fenomeno secondo il quale se tornassimo indietro nel tempo e modificassimo anche il singolo battito d’ali di una farfalla, il mondo che ne scaturirebbe sarebbe completamente diverso. E infatti la narrazione inizia con una serie di interrogativi su cosa siamo e cosa potevamo essere, su quanto ci sia di colpa nostra sui fatti che addebitiamo a volontà altrui.
Dall’avvento del telefono agli inizi del ‘900 alla politica che governa coi clic sui social, dal potere del più importante sito porno del mondo agli effetti del compromesso storico con le sue “convergenze parallele”, dal depistaggio di Stato nelle indagini sulla strage Borsellino al fallimento dell’antimafia chiodata che ha alimentato più carriere che speranze sociali. Butterfly Blues è il canto del cigno di una generazione costretta a vivere vite estranee. È soprattutto la risposta che manca alla domanda: e se ci fossimo svegliati in tempo per guardare le cose in modo diverso, prima di dare la colpa a un altro?
Butterfly Blues è scritta da Gery Palazzotto e interpretata da Gigi Borruso. Con musiche scritte e eseguite da Marco Betta, Fabio Lannino, Diego Spitaleri e Vito Giordano. Completano il cast due danzatori del corpo di ballo del Teatro Massimo di Palermo, Alessandro Cascioli e Yuriko Nishihara.
Lo spettacolo è andato in scena per la prima volta a settembre 2019

23 AGOSTO ORE 21:30, PIAZZA DUOMO

BRASS TALENTS ON TOUR

i migliori giovani talenti della più antica e rinomata scuola di Jazz della Fondazione The Brass Group in concerto. Sono giovani (con un’eccezione di uno di loro che è comunque il più giovane nello spirito), ma già con talento e preparazione tecnica ed esecutiva da fare invidia a molti. Sono i giovani artisti della scuola popolare di musica della Fondazione The Brass Group, diretta da Vito Giordano.
Sul palco i maestri Vito Giordano (tromba – direttore), Giuseppe Preiti (pianoforte), Giuseppe Costa (contrabasso), Giuseppe Madonia (batteria), Umberto Porcaro (chitarra). Gli allievi: Ferdinando Laura (sax), Gaetano Castiglia (tromba), Ciccio Foresta (batteria), Marta Formuso (basso elettrico), Francesca Damiani (pianoforte). Alla voce: Caterina Lillo, Silvia Caruso, Ezio Tripiano, Sofia Tripiano, Rossella Palermo, Bruna Angelico, Eleonora Pampillonia
Il concerto prevede un set dedicato agli standard jazz più conosciuti dell’American songbook e un set dedicato alla musica pop internazionale.
18.08.2020

Gli articoli in primo piano
POLITICA Tutti gli occhi sono puntati su Termini Imerese, il centro più grosso della provincia di Palermo:...
CRONACA Una Tac al cuore nel tempo di un solo battito, un esame total body in un secondo. È la nuova...
CRONACA Firmato il contratto, presto cominceranno i lavori di restauro e sistemazione dell'accesso...
CULTURA & SPETTACOLI Un secolo fa, il 10 aprile 1920, il Comune di Castelbuono acquistò in un’asta pubblica il...
CULTURA & SPETTACOLI Sono partiti da Gratteri gli incontri volti a sensibilizzare la comunità madonita sui temi del...
Cefalù
pubblicità
Per la tua pubblicità su laVoce web
pubblicita@lavoceweb.com - 339 1347769
LaVoceweb
Contatti: redazione@lavoceweb.com Direttore Responsabile: Franco Nicastro Copyrights 2008 © lavoceweb.com